Foibe, Cacciari: "Ricordo è fondamentale, no a mera retorica" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Foibe, Cacciari: "Ricordo è fondamentale, no a mera retorica"

Foibe, Cacciari: "Ricordo è fondamentale, no a mera retorica"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Qualunque evento importante e di dimensioni così tragiche, quale è stato il massacro delle Foibe, deve essere ricordato. Basta che il ricordo non sia mera retorica, che ricordare significhi comprendere cosa è avvenuto, le sue cause, le conseguenze".

alternate text

 

A dirlo all'Adnkronos, in occasione del Giorno del Ricordo, è il filosofo e studioso Massimo Cacciari. "Ricordare -spiega Cacciari- è un esercizio della mente, non dei sentimenti. Se ricordare significa fare un'analisi di quali sono state le cause, le colpe, i responsabili, allora ha senso, se no non ne ha nessuno". 

E sulla tragica ricorrenza, aggiunge: "Fu uno dei tanti effetti della Seconda guerra Mondiale. Ci sono stati eccidi da ogni parte e di ogni genere ovunque, basta pensare quanto avvenne in Polonia, tra tedeschi, russi, polacchi. Ha generato odio ovunque. E poi, a seguire, reazioni tragiche, reazioni di vendetta. Purtroppo, è la guerra", conclude Cacciari.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002