Valerio Massimo Manfredi e la moglie gravi dopo fuga monossido - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Valerio Massimo Manfredi e la moglie gravi dopo fuga monossido

Valerio Massimo Manfredi e la moglie gravi dopo fuga monossido

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Lo scrittore Valerio Massimo Manfredi è in coma da intossicazione ed è stato trasferito dall'ospedale San Camillo di Roma a quello di Grosseto, dove c'è una camera iperbarica disponibile, a quanto apprende l'Adnkronos da fonti sanitarie. Lo scrittore e sua moglie, anche lei gravissima, sono stati soccorsi oggi pomeriggio per aver inalato un gas, molto probabilmente monossido di carbonio, nel loro appartamento di via dei Vascellari, a Roma. A chiamare i soccorsi è stata la figlia.

 

Sul posto polizia e vigili del fuoco che stanno verificando da dove potrebbe esser fuoriuscita la perdita, forse da una caldaia. Si attendono i rilievi della scientifica. 

“E' stata una scena tremenda, ho visto la figlia urlare e piangere”, la testimonianza di una vicina di casa della coppia.. I due si trovano all’ospedale San Camillo in condizioni gravissime. C’è sgomento e incredulità tra gli abitanti del quartiere Trastevere. 

“Non volevo credere che fossero loro”, dice un barista. "Non può essere, faceva qui colazione ogni mattina”, continua a ripetere la proprietaria del caffè di fronte l’appartamento dello scrittore.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002