Mete Onlus presenta 'Peaceful World and Human Rights' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Mete Onlus presenta 'Peaceful World and Human Rights'

Mete Onlus presenta 'Peaceful World and Human Rights'

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In occasione della Giornata Internazionale contro l'uso dei Bambini Soldato che ricorre annualmente il 12 febbraio, giorno in cui nel 2002 è entrato in vigore il Protocollo Opzionale alla Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia nel coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati (Optional Protocol on Children in Armed Conflict - OPAC ) Mete Onlus con il Patrocinio della Lega Pro presenta “Peaceful World and Human Rights” – Short Film.

Il Protocollo Opzionale alla Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati è stato approvato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nella 54a sessione svoltasi a New York il 25 maggio 2000 (A/RES/54/263). Ed è entrato in vigore il 12 febbraio 2002. 

"Il nostro obiettivo è far partire dallo Stadio di Calcio della Città di Palermo (culla del nostro impegno socio-umanitario) un Messaggio di Pace, Uguaglianza e Stop ai Bambini Soldato diffuso attraverso il linguaggio universale dello Sport, e sarà presentato oggi dalla pagina FB di Mete Onlus, alle ore 18.00. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Ugri Servizi per l' Ambiente (Natalia Re è P.R. Manager & Marketing Director) e Talent Up Founder (Barbara Galli)", dice Giorgia Butera di Mete Onlus. 

"Lo sport è un linguaggio universale, intrinsecamente vi è della comunicazione, è sociale. Nei secoli passati in occasione delle Olimpiadi i Paesi in guerra le sospendevano per assistere alle competizioni - dice - Mete Onlus prosegue sua la narrazione, infatti, nel 2019 abbiamo portato ad assistere alla partita Italia/Armenia una delegazione di donne iraniane, ricordiamo l’inaccessibilità in alcune aree al mondo per le donne. Il preludio è affidato a Yousif Latif Jaralla (Regista Cantastorie Iracheno) a lui il compito di narrare di guerra, abusi e bambini, con una carezza finale a Fortuna, la bambina di Caivano (in provincia di Napoli) morta qualche anno fa in maniera tragica, dopo aver subito violenze". "Attraverso la danza omaggiamo Nasrin Sotoudeh, avvocatessa iraniana divenuta nel tempo icona mondiale per la lotta alla negazione dei diritti umani, e dal 2019 Cittadina Onoraria di Palermo". Gli interpreti sono: Gaetano La Mantia (Tersicoreo Teatro Massimo di Palermo) ed Elisa Arnone (già Tersicoreo del Teatro Massimo di Palermo). 

“La Lega Pro aderisce alla campagna promossa da Mete Onlus in occasione della Giornata Internazionale contro l'uso dei Bambini Soldato - spiega Francesco Ghirelli, Presidente Lega Pro - e si lega a progetti, ad iniziative, a gesti che difendono i diritti dei bambini. Il calcio è uno straordinario ambasciatore di valori e rappresenta il gioco. Ogni bambino ha il diritto di giocare. Lo stadio è il luogo delle famiglie, ha una funzione, oltre che sportiva, formativa. E’ luogo di incontro delle generazioni come nelle immagini, pre-Covid, di quando i nonni scesero in campo, nel turno dedicato ai nonni nel campionato di Serie C, con i nipotini. Il pallone ha il dovere di lanciare un messaggio forte: i bambini devono giocare e saper giocare”. 

Riprese e montaggio dello Shorts Film sono a cura di Alfredo Di Forti, la regia è affidata ad Angelo Butera, la Colonna Sonora è “Dancing” Voce Giuliana Di Liberto - Disco Camera Rock. “Peaceful World and Human Rights” è dedicato a Gino Strada. "Mete Onlus ringrazia il Palermo F.C. per aver concesso lo Stadio Renzo Barbera. E grazie a Etica Web e Apriti Cuore per il sostegno all’iniziativa. Silvia Amato Petragnani di EticaWeb ha curato la Campagna comunicazionale. Affidiamo il nostro messaggio di Pace e Stop ai bambini soldato a 10 Ambassador appartenenti a 10 Paesi al mondo". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002