Erika e Omar, 20 anni fa il duplice omicidio di Novi Ligure - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Mar, Mag

Erika e Omar, 20 anni fa il duplice omicidio di Novi Ligure

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Sono passate da poco le 20 del 21 febbraio 2001 quando una ragazzina di 16 anni esce urlando da una villetta del quartiere Lodolino di Novi Ligure, nell’alessandrino, corre a piedi nudi si rifugia dai vicini raccontando che due persone sono entrate in casa per una rapina uccidendo la mamma e il fratellino.  

Comincia così una vera e propria caccia all’uomo alla ricerca dei due rapinatori, albanesi si disse allora, dai quali Erika racconta di essere sfuggita per miracolo. A salvarsi anche il padre che era fuori casa. E, mentre le forze dell’ordine sono al lavoro dentro e fuori casa alla ricerca di indizi, nel paese e non solo, si scatena la rabbia contro gli immigrati. 

Erika viene sentita a lungo sull’accaduto ma il suo racconto non convince del tutto gli inquirenti che tornano nella casa accompagnati dalla ragazza e dal suo fidanzatino, Omar, per un nuovo sopralluogo. Poi, portati in caserma vengono lasciati soli in una stanza dove non sanno che vengono visti e sentiti a distanza e li i due giovani parlano del delitto, concordano la versione da fornire agli investigatori. 

Due giorni dopo il delitto, i giovani vengono fermati e dal momento dell’arresto cominciano ad accusarsi ad accusarsi a vicenda mentre numerosi di periti vengono nominati per cercare di far luce sulle loro personalità.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002