Monza, avvelenò i parenti con il tallio: assolto - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Lun, Mag

Monza, avvelenò i parenti con il tallio: assolto

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Assoluzione confermata per Mattia Del Zotto. La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione ha riconosciuto totalmente incapace di intendere e di volere il 28enne di Nova Milanese per l'avvelenamento di nove membri della sua famiglia con il tallio. I nonni paterni e una zia sono morti. Il giovane era accusato di omicidio volontario plurimo premeditato.  

I supremi giudici hanno dichiarato inammissibile il ricorso che il Procuratore generale della la Corte di appello di Milano aveva proposto nei confronti della sentenza con la quale la Corte di assise di appello di aveva confermato l’assoluzione di Del Zotto, pronunciata dal Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Monza. 

La decisione della Corte di cassazione rende definitivo l’accertamento della non imputabilità di Del Zotto al momento dei fatti e l’applicazione della misura di sicurezza detentiva. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002