Attacco in Congo, tricolori a Sonnino: l'ultimo saluto a Vittorio Iacovacci - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Mag

Attacco in Congo, tricolori a Sonnino: l'ultimo saluto a Vittorio Iacovacci

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

All’ingresso di Sonnino, dalla via Marittima, i tricolori accompagnano il percorso di quanti oggi qui, nel paese in provincia di Latina, ha voluto dare l’ultimo saluto al concittadino Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso in Congo. 

Prima dei funerali nell’Abbazia di Fossanova, nella casa della vittima è stata istituita una camera ardente per i familiari e gli amici che hanno affollano sin dalla mattina l’ingresso. La salma è arrivata alle 7 dalla chiesetta del cimitero di Sonnino dove era stata portata dopo i funerali di Stato. 

Scortata dai carabinieri, la salma di Iacovacci intorno alle 14.30 ha lasciato l’abitazione della vittima per raggiungere l’Abbazia dove si celebrano le esequie. In strada, lungo l’intero tragitto, tanta la gente che ha voluto salutarlo per l'ultima volta. 

E centinaia di persone attendevano già l'arrivo del feretro avvolto dal trivolore nel piazzale dell’Abbazia: in mano rose rosse e palloncini verdi bianchi e rossi pronti per esser liberati in cielo. Ad accogliere la vittima anche il suono delle campane. Intonata la Virgo Fidelis. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002