Attacco in Congo, il comandante di Iacovacci: "Vittorio gran lavoratore e contento della sua missione" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Mer, Mag

Attacco in Congo, il comandante di Iacovacci: "Vittorio gran lavoratore e contento della sua missione"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Vittorio era uno dei miei uomini, un ragazzo generoso, altruista, che si è sempre prodigato per supportare i suoi colleghi. Era sempre in prima fila, sempre davanti a tutti, era sempre volenteroso e disponibile per qualsiasi esigenza di servizio". Il comandante del XIII reggimento Friuli Venezia Giulia, Saverio Ceglie, ricorda così all’Adnkronos Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso in Congo insieme all’ambasciatore Luca Attanasio.

"Alcuni amici lo hanno definito un leader proprio perché riusciva con grande naturalezza a catalizzare le difficoltà. Era un ragazzo eccezionale - continua - sempre disponibile. Un gran lavoratore, molto innamorato della vita militare e assolutamente contento della sua esperienza in Congo. Al rientro in Italia sarebbe stato trasferito al reggimento paracadutisti Tuscania di Livorno. Era il suo sogno, diventare anche lui un esploratore, come il fratello Dario". (Dall’inviata Silvia Mancinelli) 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002