Pallavolo, Lara Lugli: "Ero incinta, trattata come una dopata" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Mag

Pallavolo, Lara Lugli: "Ero incinta, trattata come una dopata"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Restare incinta è considerata una mancanza di professionalità. Come aver assunto cocaina e risultare poi positiva all'antidoping". E' quanto afferma la pallavolista Lara Lugli che in una intervista a 'La Repubblica' racconta la questione legale che la vede contrapposta al club in cui militava nella stagione 2018/2019 nel campionato di Serie B1: il volley Pordenone. Nel mese di marzo del 2019 ha comunicato al club la sua impossibilità di proseguire la stagione perché incinta, risolvendo dunque il contratto. 

A 38 anni Lara scopre di aspettare un bambino, è il marzo 2019. "Lo comunico alla società, e loro, come sempre accade in questi casi, interrompono il contratto. È proprio scritto così, è la prassi, per noi di Serie B1 ma anche per le categorie superiori - spiega -. Siamo dilettanti e non abbiamo tutele, nessuno strumento giuridico in mano. Se ti infortuni, e dipende anche dalla gravità dell'infortunio, il contratto viene onorato. Se annunci di aspettare un bambino, un minuto dopo c'è la rescissione. I rapporti con la società? Buoni, i migliori possibili. Li ho avvertiti subito, mi sembrava giusto farlo, è così che si fa".  

Un mese dopo Lugli perde il bambino. "Ad aprile. Dopo qualche tempo mi rifaccio viva, chiedendo l'ultima mensilità, quella di febbraio, il mese precedente alla scoperta della mia gravidanza, in cui avevo regolarmente giocato e mi ero sempre allenata. Là scatta la loro risposta. Una citazione in opposizione alla mia ingiunzione di pagamento. Con frasi impressionanti per crudezza e arretratezza".  

"La gravidanza non è stata cercata, ma anche se lo fosse stata, ciò non avrebbe fatto alcuna differenza. È incredibile che nel 2021 essere incinta debba essere considerata come una mancanza di professionalità, criminalizzata come l'assunzione di cocaina e la conseguente positività a un controllo antidoping. È incredibile che una donna venga umiliata in questo modo e anche i suoi dolori e dettagli molto privati della sua vicenda personale vengano usati. Il tutto per 2500 euro -spiega Lugli a cui, spiega Repubblica, il club ha scritto 'Dopo l'aborto sarebbe potuta tornare in campo, allenarsi e andare almeno in panchina'-. Lasciando da parte le condizioni psicologiche in cui mi trovavo in quel momento, è una frase di un'ineleganza mostruosa. Ho provato vergogna, tristezza. E poi, ora, qualche giorno dopo la richiesta di danni, ho deciso di pubblicare la mia storia".  

"Ho avuto tanta paura. Paura degli haters, dei leoni da tastiera. C'è stato un caso simile al mio pochi mesi fa, quello di Carli Lloyd a Casalmaggiore, aggredita dai tifosi sul web per aver "danneggiato" la sua squadra. Avevo paura di suscitare reazioni senza senso. Ora sono più serena però", spiega Lugli riguardo alla decisione di render pubblica la sua storia sui social. 

Mi hanno chiamata "In tantissime, anche giocatrici molto importanti di Serie A1, e alcune di loro mi hanno raccontato esperienze di gravidanze evitate o di contratti rescissi brutalmente. Io ho provato, pubblicando la mia storia, ad accendere una luce sulla condizione dello sport dilettantistico in Italia. Mi ha fatto piacere la presa di posizione del sindacato pallavolisti, ora vorrei che si mettesse mano una buona volta a questo enorme problema dello sport al femminile. Si parla tanto di pari opportunità e poi una società ha il coltello dalla parte del manico in questi casi. Di fatto, costringe la donna a una scelta: o mamma, o atleta". E sulla vertenza conclude. "Il 18 maggio io e la società ci confronteremo di fronte al Giudice di pace. Ma io sento di aver già vinto. Non è per i soldi che combatto, ma perché casi come il mio non accadano mai più". 

“Sono vicina a Lara Lugli per l’esperienza drammatica che ha vissuto e che nessuna donna deve più subire e vivere nel nostro Paese ”. Così la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. Quello che è accaduto alla pallavolista del Volley Pordenone “è il segno di un retaggio sociale ormai obsoleto, pensare che le donne debbano ancora essere costrette a scegliere tra realizzarsi nel mondo del lavoro e l’esperienza della maternità è un modello che costringe le donne a una dimensione di diseguaglianza rispetto agli uomini che deve essere colmato”.  

Bonetti ha inoltre dichiarato che vuole "mettere in campo una misura che sostenga i costi delle sostituzioni maternità per le imprese per evitare fenomeni di disparità tra donne e uomini e per incentivare percorsi di welfare e di promozione di carriera femminile”. Si tratta, ha spiegato, "di un progetto a cui sto lavorando che non aveva trovato riscontro precedentemente ma sono convinta che in questo nuovo contesto possa essere un volano”. 

"Una pallavolista del Volley Pordenone è stata citata per danni dal suo club. La sua colpa? Essere rimasta incinta senza aver comunicato la sua intenzione alla società. Una storia assurda, che sembra impossibile dover leggere sulle pagine dei quotidiani. E invece succede, ancora oggi, all'indomani della Giornata Internazionale delle Donne". Lo dichiarano le parlamentari e i parlamentari del Movimento 5 Stelle, componenti del gruppo Pari Opportunità. 

"Una storia sicuramente da approfondire, che rivela però l'esistenza di ostacoli ancora grandi sulla strada per l'affermazione di un diritto centrale della donna: la maternità. È questo uno dei punti centrali del discorso sulle pari opportunità, che tocca tutti i settori in cui le donne cercano affermazione professionale, rimanendo purtroppo spesso vittime di discriminazione. Insieme alle altre componenti dell'Intergruppo donne in Parlamento ci stiamo già confrontando sulle possibili azioni affinché eventi come questi non avvengano più. Ci auguriamo che si riesca presto a fare luce su questa vicenda e che soprattutto non passi il messaggio che i punti di una squadra sportiva e le eventuali perdite nelle sponsorizzazioni siano più importanti del rispetto di un diritto", concludono. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002