'Ndrangheta, il fratello di Ambrogio Crespi: "Lui come Sacco e Vanzetti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

'Ndrangheta, il fratello di Ambrogio Crespi: "Lui come Sacco e Vanzetti"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

“Un uomo innocente sta andando in galera. Un uomo oggettivamente innocente. Questo è Sacco e Vanzetti”. Lo dice all’AdnKronos Luigi Crespi, fratello di Ambrogio che ieri si è visto confermare la condanna a sei anni in Cassazione. Il regista è accusato di aver procurato voti a Domenico Zambetti, assessore alla Casa della giunta Formigoni, per le regionali del 2010, servendosi di conoscenze in ambienti della 'ndrangheta. Crespi, tirato in ballo da alcune intercettazioni, si è sempre dichiarato del tutto innocente.  

"Non abbassiamo la guardia su questa roba – aggiunge Luigi Crespi -, è una prova di forza della magistratura. Ambrogio sta malissimo, ma non mollerà di un centimetro. Noi chiederemo subito la revisione del processo, andremo alla Corte europea dei diritti dell’uomo. L’innocenza di Ambrogio è così cristallina che non ha senso questa condanna. Se condannano lui possono condannare chiunque, alzate la guardia. Non può passare inosservato. Ambrogio non è uno che ha fatto qualche errore, che ha frequentato qualcuno, non ha fatto nulla, non li conosceva questi signori, non conosceva l’assessore. È una cosa assurda”.  

Per Luigi Crespi, “l’unica spiegazione che si può dare è quella dell’autotutela e autodifesa del ‘sistema’. Il ‘sistema’ deve giustificare la condanna di Ambrogio, in questo momento, con la vicenda Palamara in corso, non si può permettere un errore giudiziario. Il procuratore generale aveva chiesto l’annullamento”. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002