Omicidio Caruana Galizia, suoi assassini volevano ucciderla già nel 2015 - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Omicidio Caruana Galizia, suoi assassini volevano ucciderla già nel 2015

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Volevano uccidere Daphne Caruana Galizia già nel 2015. A riferirlo in una lunga testimonianza Vincent Muscat. Gli esecutori materiali dell'assassinio della giornalista investigativa maltese avevano dunque pianificato un attentato con armi da fuoco AK-47 due anni prima di ucciderla in un attacco dinamitardo nell'ottobre del 2017.

Muscat, insieme alle altre due persone accusate dell'omicidio, aveva iniziato i preparativi per l'assassinio della cronista già nel 2014 o 2015. Con George Degiorgio era stato messo a punto un piano che prevedeva di fermare la donna sotto casa mentre un terzo uomo, Jamie Vella, l'avrebbe colpita con l'AK-47. 

Il piano, ha aggiunto, venne abbandonato quando la persona che avrebbe dovuto pagare 50mila euro per l'assassinio non consegnò il denaro. Muscat si è riconosciuto colpevole dell'omicidio ed ha indicato i suoi due complici in George Degiorgio e nel fratello Alfred. L'ordigno, secondo la sua testimonianza, fu fornito da Vella ed un altro uomo. L'imprenditore Yorgen Fenech, processato separatamente, avrebbe pagato Muscat e i fratelli DeGiorgio 150mila euro per l'omicidio attraverso un intermediario. Fenech si dichiara non colpevole. 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002