Milano, in 300 per il video di un rapper: pietre e bottiglie contro polizia - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Milano, in 300 per il video di un rapper: pietre e bottiglie contro polizia

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Guerriglia urbana a Milano. Una folla di ragazzi tra i 16 e i 20 anni si era radunata per le riprese del video di un rapper in via Micene. La polizia, arrivata per disperdere l'assembramento, è stata attaccata con pietre, bastoni e bottiglie. Per disperdere i ragazzi, che si rivolgevano agli agenti gridando “andatevene”, “fuori dalle nostre zone”, si è reso necessario il lancio di un lacrimogeno. 

La piccola folla di almeno 300 giovani si era radunata nel quartiere intorno alle 17.30 ed è stata subito segnalata alle forze dell'ordine, intervenute inviando sul posto cinque aliquote del Reparto Mobile della Polizia di Stato e del Battaglione dell’Arma dei carabinieri al momento impegnate in città in servizi anti-assembramento. 

I ragazzi erano saliti sulle auto in sosta cantando e saltando. All'arrivo della polizia, si sono dati alla fuga verso piazzale Selinunte per poi compattarsi e iniziare a lanciare oggetti contro gli agenti. La questura di Milano, risolta la situazione, ha mantenuto un presidio in zona. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002