Protesta ristoratori domani a Roma non autorizzata da Questura - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Protesta ristoratori domani a Roma non autorizzata da Questura

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

La protesta a sostegno delle “categorie commerciali ed imprenditoriali e “contro le chiusure imposte alle attività commerciali” organizzata per domani lunedì 12 aprile a Roma non è autorizzata. Così in una nota la Questura di Roma che sottolinea come "la piazza di Montecitorio è stata formalmente vietata" al Movimento 'IoApro' in quanto "già concessa".  

''E’ stato diffuso, sui social network, l’invito esteso a numerosi gruppi di persone, da parte di rappresentanti del Movimento 'IoApro' a partecipare nella giornata di domani 12 aprile 2021 dalle ore 14.00 alle ore 19.00, ad una 'manifestazione autorizzata' in piazza Montecitorio a sostegno delle 'categorie commerciali ed imprenditoriali' e 'contro le chiusure imposte alle attività commerciali', si legge nella nota della Questura di Roma che aggiunge:. ''A differenza di quanto affermato e diffuso sui social, però, si segnala che, con formale provvedimento redatto dalla Questura di Roma in data 9 aprile u.s., la piazza di Montecitorio è stata formalmente vietata per la giornata di domani ai rappresentanti del movimento 'IoApro”' in quanto già concessa e, quindi occupata da un’altra manifestazione regolarmente preavvisata nei giorni precedenti, che si svolgerà nella stessa fascia oraria con la prevista partecipazione di 100 persone''. 

''Si ribadisce, inoltre che, nel rispetto delle prescrizioni attualmente in vigore in materia di contrasto alla diffusione del virus Sars Covid-19, in conformità a quanto disposto dalla normativa che, la piazza in questione può ospitare un numero massimo di 100 manifestanti. Pertanto, al fine di non generare false informazioni circa la possibilità di accedere alla manifestazione nel numero di 20.000 persone così come annunciato sui social network e per evitare i conseguenti provvedimenti si ribadisce che la manifestazione pubblicizzata non è 'autorizzata'".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002