Io apro, la ristoratrice: "Covid c'è per tutti, perchè altri aprono?" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Io apro, la ristoratrice: "Covid c'è per tutti, perchè altri aprono?"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

 

"Noi dobbiamo riaprire per i nostri figli. Perchè alcune attività posso aprire e altre no? Se il Covid c’è, c’è per tutti”. Lo grida, alla manifestazione 'Io Apro' di Piazza San Silvestro, Sandra Di Bella, del movimento 'Ristoratori siciliani indipendenti', che indossa una sorta di elmo vichingo con le corna come Jake Angeli, uno dei manifestanti protagonisti dell'assalto al Congresso lo scorso 6 gennaio. 

“Speranza si deve dimettere, noi non possiamo andare avanti", aggiunge. Ci stanno distruggendo. Ora basta, i ristori non sono adeguati”. In piazza San Silvestro ora circa 500 persone, con vari esponenti di movimenti di partite Iva, ristoratori, mondo dello sport e della cultura. 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002