No Tav, scontri in Val Susa per lavori nuovo autoporto - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Mag

No Tav, scontri in Val Susa per lavori nuovo autoporto

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

È andato in scena nella notte lo sgombero del presidio No Tav nell'ex autoporto di San Didero, a Torino. Statale 24 bloccata e un ingente schieramento di polizia con mezzi blindati e automezzi dotati di idranti sono stati raccontati con una diretta facebook dal comitato giovani no tav che ha presidiato San Didero al coro di "Ci siamo e ci saremo, la Val di Susa è nostra e la difenderemo". "Lancio di lacrimogeni ad altezza uomo - hanno scritto in un post - si registrano feriti. I /le compagne no Tav accorsi in sostegno dei/lle presidianti circondati, fanno un appello affinché tra stanotte e domani quante più persone possibili raggiungano San Didero". 

Prevista per oggi una lunga giornata di mobilitazione: "Non è il momento di arrendersi né di arretrare. Avanti tutta No Tav" hanno scritto sui social. 

"È l'ora di lottare. Per la Val di Susa. Per le nostre montagne. Sempre dalla parte giusta della barricata. Ci vediamo su. Coraggio e Avanti tutta no Tav!", è l'appello lanciato dai manifestanti. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002