Davide Oldani: "Riparto con il temporary in piazza ideato dai ragazzi del D'O" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Lun, Mag

Davide Oldani: "Riparto con il temporary in piazza ideato dai ragazzi del D'O"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Lo chef Davide Oldani per ora non riapre il suo D'O, il rinomato ristorante a San Pietro all'Olmo di Cornaredo, in provincia di Milano, suo paese d'origine e riparte con il temporary ideato dai Ragazzi del D'O, una struttura all’aperto in piazza della Chiesa, proprio davanti al ristorante. Si attiene alle regole e non fa polemiche.

"Il coprifuoco? Va bene, - risponde - sto alle regole e devo dire che andare mangiare presto vuol dire anche andare a letto prima, dormire meglio, avere più tempo per digerire e, non ultimo, la mattina dopo lavorare meglio per l’Italia". E’ quanto afferma in un'intervista all'Adnkronos. "Questa iniziativa è importante per la squadra del D'O per rimettersi in carreggiata, parte il 29 aprile e durerà un mese fino al 30 maggio" aggiunge. Il format mette al centro di tutti i piatti il Pan'Cot ovvero "un pane arrostito, che si rifa a una ricetta tradizionale del territorio, -spiega Oldani - un pane a forma di ciambella, al centro del quale mettiamo la varietà della cucina milanese e italiana". Il Pan’Cot ha un suo marchio, caratterizzato dalla doppia O che ne riprende la forma stilizzata. La linea stilistica si ritrova anche nel design del piatto, studiato e creato esclusivamente per il Pan’Cot. 

A seguito dell’ultimo decreto del Governo, con le graduali riaperture calendarizzate dal 26 aprile, "i nostri ragazzi hanno deciso di sfruttare l'opportunità concessa all’aperto, sia a pranzo che a cena, con una proposta differente da quella del Ristorante, dove sarà protagonista il Pan’cot - prosegue Oldani - saremo aperti a pranzo e a cena 6 giorni a settimana sotto una tensostruttura". 

"Adesso bisogna stare all'aperto e ci adeguiamo alle regole in attesa del nuovo decreto che ci dirà se a giugno possiamo riaprire", sottolinea Oldani, ideatore della cucina 'pop', caratterizzata dall'alta qualità e accessibilità.  

Il Pan'Cot dichiara la sua origine attinta dal dialetto milanese e nasce dal desiderio di lavorare su una nuova idea di lievitazione e panificazione, preparato con pregiate farine integrali, di grano duro e tenero, alla base il lievito madre, profumato e leggero. È concepito come un foglio bianco su cui creare e che può essere pertanto abbinato a carne, pesce, verdura e frutta, aprendo alla trasversalità della cucina italiana, salata e dolce, utilizzando solo ingredienti eccellenti, selezionati in base alla stagionalità e sostenibilità. I Ragazzi del D’O sono Davide Novati, Manuele Pirovano, Alessandro Procopio, Wladimiro Nava, Matteo Romanò, Riccardo Merli e Filippo Amodeo.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002