CALABRIA: ESPOSTO DEL WWF ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI COSENZA PER CICOGNA BIANCA UCCISA
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Lun, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

CALABRIA: ESPOSTO DEL WWF ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI COSENZA PER CICOGNA BIANCA UCCISA

CALABRIA: ESPOSTO DEL WWF ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI COSENZA PER CICOGNA BIANCA UCCISA

Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Lo scorso primo febbraio è stata pubblicata la notizia del ritrovamento di una cicogna bianca priva di vita nel suo nido, posto su un traliccio della linea elettrica tra i comuni di Luzzi, Lattarico e Torano, in provincia di Cosenza

RENDE (COSENZA), Cicogna bianca uccisa nel suo nido
RENDE (COSENZA), Cicogna bianca uccisa nel suo nido

 

Dalle successive analisi fatte sulla carcassa è stato accertato che la causa del decesso dell’animale, avvenuto circa dieci giorni prima rispetto alla data del recupero, è dovuta a ferite d’arma da fuoco. Si può ipotizzare che l’animale sia stato ucciso mentre si trovava nel nido in cui è stato ritrovato oppure che vi si sia recato dopo essere stato ferito.

La cicogna faceva parte del progetto “Cicogna bianca Calabria”, attivo fin dal 2003 e promosso dalla sezione Lipu di Rende (CS) con l’obiettivo di favorire il ritorno della cicogna bianca in Calabria attraverso l’utilizzo di nidi artificiali che, grazie alla collaborazione dei tecnici Enel, vengono installati sui pali e tralicci elettrici individuati dalla Lipu.

Con ogni probabilità, il nido nel quale è stata trovato l'animale senza vita era occupato da una coppia di cicogne svernante in zona fin dal 2009. Si tratta, dunque, di un sito storico e di alto valore per il monitoraggio e la tutela di questa specie, essendo stata la prima nidificazione su piattaforma nido avvenuta nella valle del Crati.

Questo ennesimo episodio di bracconaggio rappresenta una grave perdita per il progetto di reintroduzione, che rischia di compromettere la complessiva presenza della specie in quell’area.  Si deve considerare, infatti, che la specie è tendenzialmente monogama e che il nido viene utilizzato dalla stessa coppia per diversi anni. La cicogna rimasta sola potrebbe, quindi, non trovare un partner per riprodursi e lasciare il nido abbandonato.

Il WWF al fine di supportare le attività di indagine ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Cosenza.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook