CATANZARO, chiesto processo per Oliverio e Occhiuto
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Gio, Nov
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

CATANZARO, chiesto processo per Oliverio e Occhiuto

CATANZARO, chiesto processo per Oliverio e Occhiuto

Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Inchiesta 'Passepartourt' Procura Catanzaro su alcuni appalti

CATANZARO, chiesto processo per Oliverio e Occhiuto
CATANZARO, chiesto processo per Oliverio e Occhiuto

 

CATANZARO - La Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio del presidente della Regione Calabria Mario Oliverio (Pd), del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto (Fi), dell'ex consigliere regionale del Pd Nicola Adamo e di altre 17 persone tra politici, dirigenti regionali, tecnici e imprenditori. Le accuse, a vario titolo, sono associazione a delinquere, frode nelle pubbliche forniture, turbative d'asta, corruzione e traffico di influenze illecite in relazione ad alcuni appalti. L'udienza dal gup è il 13 dicembre. Secondo l'ipotesi accusatoria, alcuni degli imputati facevano parte di un'associazione a delinquere - l'accusa non riguarda Occhiuto - che, nei rispettivi ruoli politici, amministrativi, istituzionali ed imprenditoriali, si muoveva con lo scopo di orientare in proprio favore le attività connesse alla opere pubbliche, e "commettere una serie indeterminata di delitti contro la pubblica amministrazione". Di questa organizzazione, secondo l'accusa, Oliverio e Adamo erano i promotori. Accusa in parte ridimensionata dal gip che, nella fase delle indagini preliminari, esaminando una richiesta di sospensione dai pubblici uffici per altri indagati, nel maggio scorso aveva affermato che gli indagati sembrano agire in virtù di "una prassi generalmente accettata", gestendo "in chiave opportunistica le dinamiche politiche" ma "manca la dimostrazione del fatto che abbiano agito in forza di un vincolo di natura associativa". La Procura, comunque, va avanti per la propria strada ed ora sarà un altro giudice a valutare le accuse e decidere se Oliverio, Occhiuto e tutti gli altri, dovranno andare a processo.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook