Decreto sicurezza e immigrazione, ok dal Cdm. Salvini: 'Stop all'asilo ai condannati in primo grado'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mer, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Decreto sicurezza e immigrazione, ok dal Cdm. Salvini: 'Stop all'asilo ai condannati in primo grado'

Decreto sicurezza e immigrazione, ok dal Cdm. Salvini: 'Stop all'asilo ai condannati in primo grado'

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il ministro degli Interni: 'Un passo in avanti per rendere l'Italia più sicura"

Decreto sicurezza e immigrazione, ok dal Cdm. Salvini: 'Stop all'asilo ai condannati in primo grado'
Decreto sicurezza e immigrazione, ok dal Cdm. Salvini: 'Stop all'asilo ai condannati in primo grado'


Il governo dà il via libera al decreto che unifica i testi su sicurezza e migranti (il testo). Soddisfatto il ministro Salvini, che parla di 'passo in avanti per un'Italia più sicura' e assicura che non viene leso alcun diritto fondamentale.

"#DecretoSicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei Ministri approva all'unanimità! Sono felice. Un passo in avanti per rendere l'Italia più sicura", ha scritto Salvini, su Fb.

"Non lediamo nessuno diritto fondamentale: se entri a casa mia e spacci ti accompagno da dove sei arrivato": ha poi spiegato il ministro in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "Se sei condannato in via definitiva è di buon senso toglierti al cittadinanza", ha aggiunto. "Per i richiedenti asilo - ha spiegato il vicepremier - lo stop alla domanda si avrà in caso di pericolosità sociale o condanna in primo grado. Questa è stata una delle mediazioni aggiunti e suggerite".    

"L'obiettivo è chiudere tutti i campi rom entro la fine della legislatura", ha detto poi il ministro Salvini.

"In un quadro di assoluta garanzia dei diritti delle persone e dei Trattati, andiamo a operare una revisione per una disciplina più efficace", ha detto il premier, Giuseppe Conte, aggiungendo: "Ci sono norme contro la mafia e il terrorismo". "Non cacciamo nessuno dall'Italia dall'oggi al domani, ma rendiamo più efficace il sistema dei rimpatri".

"Rispetto all'ordinaria formulazione abbiamo unificato in un'unica struttura normativa, più funzionale anche in ragione della complementarietà delle materie, i testi su migranti e sicurezza - ha detto Conte -. L'obiettivo è riorganizzare l'intero sistema di riconoscimento della protezione internazionale per adeguarla agli standard europei. Ci siamo accorti che c'erano disallineamenti significativi rispetto ad altri Paesi europei".

Ma dal presidente della Camera Roberto Fico, durante la trasmissione 'Presa Diretta', arriva un monito: "La sicurezza si costruisce tramite la costruzione di altri diritti, come quello all'istruzione, all'acqua pubblica, a vivere in una città sana. Prendere il tema solo dalla parte del bastone significa fare una politica securitaria e non di sicurezza".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook