LAMEZIA SUMMERTIME 2019. Record di presenze per la IV edizione di TeatrOltre: Festival Internazionale di Teatro in Strada (FOTO)
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Lun, Nov
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

LAMEZIA SUMMERTIME 2019. Record di presenze per la IV edizione di TeatrOltre: Festival Internazionale di Teatro in Strada (FOTO)

Si è conclusa con un record di oltre 20.000 presenze la IV edizione di TeatrOltre: Festival Internazionale di Teatro in Strada che anche quest’anno ha proposto come leitmotiv l’arte circense con particolare attenzione alla giocoleria e al circo contemporaneo ma senza trascurare la presenza degli spettacoli tipici del teatro in strada quali i burattini, le marionette, la micromagia, i trampolieri e la musica itinerante.

Il Festival, inserito nell'ambito del progetto Lamezia Summertime 2017-2019, è realizzato dal Comune di Lamezia Terme in collaborazione con Arci Lamezia Terme/Vibo Valentia in qualità di partner di progetto e finanziato dalla Regione Calabria con fondi PAC.

5 giorni di spettacoli nel centro storico di Lamezia Terme Nicastro, trasformato in un grande palcoscenico a cielo aperto con la partecipazione di artisti nazionali e internazionali accolti gioiosamente da bambini e adulti.

Un grande successo ampiamente annunciato anche dalla comunicazione sui social media: il sito internet www.lameziasummertime.it e la pagina Facebook ufficiale dedicata all'intera manifestazione Lamezia Summertime ha ottenuto numeri impressionanti:

  • 1.333.898 persone raggiunte dalle campagne social
  • 3.205 media giornaliera di visualizzazione della pagina
  • 31.871 interazioni con i post della pagina

Mentre solo per la manifestazione di TeatrOltre:

  • 18.841 le persone raggiunte con l’evento Facebook
  • 25 video su TeatrOltre con 21 dirette e 19.730 visualizzazioni
  • 5 album fotografici dedicati con oltre 500 foto che raccontano il festival giorno per giorno
  • 5 video con una sintesi degli spettacoli di ogni giornata con una media di  54.213 visualizzazioni a video
  • 2.488 download del programma

Apprezzatissime, ancora una volta, le scelte artistiche del direttore Pierpaolo Bonaccurso di teatrop  che, insieme al padre Piero Bonaccurso, fondatore della storica compagnia lametina, ha curato l’organizzazione del Festival coadiuvato da un efficiente e collaudato gruppo di lavoro.

Un programma fitto di appuntamenti inaugurato da una due giorni di spettacoli nel seicentesco Chiostro di S. Domenico nel centro storico della città. Poi gli spettacoli hanno animato il Corso Numistrano con le installazioni delle strutture aeree per le acrobazie, i numeri di giocoleria e il teatro dei burattini.

Ad aprire il Festival Greta Belometti e la sua scatola magica da cui nascono le sue favole si sabbia. Un laboratorio di sand art che ha mandato in visibilio i tantissimi bambini presenti e poi lo spettacolo. La storia prende vita dalle sue abili mani danzanti sul tappeto di sabbia che velocemente si trasforma in occhi grandi, bocche che sorridono, oggetti, alberi, fiori e animali per poi essere cancellati con un gesto della mano come onda sulla spiaggia.

Sorrisi e stupore per Rasid Nikolic, il marionettista serbo-bosniaco di etnia rom che ha incantato tutti con le sue marionette a filo. Con simpatia dissacrante e tecnica sopraffina Rasid ha fatto interagire le sue creature di legno con un pubblico molto partecipe. Lo scheletro dinoccolato che canta “La vie en rose” con la voce dell’indimenticabile Louis Armstrong, la danzatrice del ventre (dedicata a sua sorella) dai grandi occhi verdi e dagli armoniosi movimenti di braccia e di bacino, la feroce tigre dalla morbida cavalcata che fa sparire nelle sue fauci le teste di malcapitati spettatori e lo spaceman, il piccolo astronauta che si arrampica sul corpo di un ignaro bambino costretto a non guardare.

Rapimento e incredulità per i numeri di micromagia del poliedrico artista lucano Cico Cuzzocrea e il suo spettacolo Vintage. Piccoli oggetti di uso quotidiano che si trasformano in fiori di carta e coriandoli, ciotole vuote che si riempiono di acqua, sigarette che si accendono e si spengono, spariscono e ricompaiono, corde infinite che si srotolano davanti agli sguardi di meraviglia di grandi e piccini.

E poi le parate itineranti con il grande dinosauro verde e i colorati trampolieri di teatrop accompagnati dalle note swing/jazz/funky/pop dei Takambum, street band di strumenti a fiato e percussioni che ha fatto da siparietto ad ogni spettacolo guidando gli spettatori incantati e divertiti come i bimbi nella leggenda del Pifferaio magico.

Ancora graditissimo ospite del Festival il maestro burattinaio Angelo Gallo del Teatro della Maruca che ha realizzato un originale lavoro su Pinocchio nato da un interessante studio sul burattino più famoso del mondo diventato, poi, un esperimento di animazione teatrale nelle scuole. Dalla trasformazione dell’oggetto iniziale, il ceppo-burattino, si sviluppa uno spettacolo interattivo con l’uso combinato di marionette, guarattelle e muppet che danno vita a tutti i personaggi della fiaba unitamente all'uso fantasioso di materiale di riciclo e di una grossa busta di plastica nera a far da pescecane. E non poteva mancare un’altra avventura di Zampalesta, il mitico cane peloso e pasticcione, idolo incontrastato dei bambini.

Grande successo per l’ex calciatore argentino Mencho Sosa che ha trasformato la sua passione per il calcio in spettacolo di giocoleria. La piazza tramutata in un campo di calcio con tutti i suoi rituali: urla, cori, striscioni, l’entrata in campo, il riscaldamento con l’aiuto degli spettatori, la partita con il pubblico, i goal, la coppa della vittoria, l’intervista… Il tutto infarcito da abilissimi giochi con uno, due, tre quattro, cinque palloni e tifo da stadio!

Poesia e virtuosismo tecnico nella performance Hop Hop di Simone Romanò che si presenta al pubblico infagottato in un impermeabile e con un’espressione languida che ricorda quella di Buster Keaton. Qui la giocoleria classica, le gag, i numeri da circo e il coinvolgimento del pubblico si susseguono a ritmo serrato per arrivare, tra incidenti e difficoltà simulate, ai numeri di equilibrismo di grande abilità e bravura sulle note trascinanti della Carmen di Bizet in un delizioso tutù scarlatto.

Forza, abilità, vertigini e ancora poesia nello spettacolo Hobo di Brigata Totem. Storia delicata di un cane/acrobata che affida alla mimica e alle evoluzioni sul palo cinese la sua scoperta del mondo fuori dalla sua cuccia/camerino. Un tappeto giallo per delimitare lo spazio scenico, trucco a vista, tre cassette di legno che vengono accatastate, scomposte, isolate attraverso la ricerca quasi esasperata di più varianti scenografiche e poi un secchiello pieno di chicchi d’uva che diventa l’oggetto di sfida e di desiderio. Numeri acrobatici a terra e sulla pertica tra discese ardite, evoluzioni e vertiginose risalite fino in cima dove, in piedi, con una bacchetta come un direttore d’orchestra, cerca di ristabilire l’armonia nel caos del mondo.

E ancora lo straordinario Piti Peta Hofen Show della Compagnia LPM. Tre giocolieri di diversa nazionalità: un brasiliano, un francese e un tedesco per uno spettacolo che miscela il mimo e la danza, l’acrobazia e la giocoleria, la gestualità del corpo e la mimica facciale, la comicità del paradosso e il gusto per le citazioni con l'ausilio degli oggetti di scena che si piegano, si contorcono, si modellano e saltano rotolando in mezzo agli spettatori. Una performance dissacrante ed esilarante condotta sul ritmo di una velocità allucinata, con numeri di violenza estetica che travolgono il pubblico e strappano la “buona coscienza” dell’attore e dello spettatore attraverso un linguaggio che incrina il quotidiano presentandolo nella sua assurda realtà.

Meraviglia, stupore, sorpresa, mutazione di forme e ritmi, disegni librati per aria, gioia e divertimento per gli occhi, presenza scenica e  gusto teatrale nella performance Naufragata di Circo Zoé. Un vascello in balia della tempesta, un capitano che scruta l’orizzonte e suona la fisarmonica mentre la sua ciurma, simulando la fatica dei marinai, si produce in prodezze acrobatiche sul filo teso, sull’hula hoop sospeso, con la ruota Cyr e sul palo cinese. Un immenso coro di sguardi accompagna questa fusione perfetta tra acrobatica, musica e commedia brillante con innesti di siparietti comici e parodie cinematografiche intorno ad una porta rotante. L’impressione che resta dipinta sui volti degli spettatori si può intuire dai loro sorrisi, tutti uguali, tutti meravigliati dalla bravura e dall'abilità di questi grandi artisti italo-francesi.

Un Festival che è stato una vera e propria festa per la città di Lamezia Terme e che ha saputo regalare, ancora un volta, sorrisi ed emozioni.


Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook