I Brettii e la pece della Sila
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Gio, Nov
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

I Brettii e la pece della Sila

images/stories/ilcentrotirreno/1-news/5-cosenza/2019/i-brettii-e-la-pace-della-sila.jpg

Cosenza
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In Sila la rievocazione del Popolo Brettio

I Brettii e la pece della Sila
I Brettii e la pece della Sila

 

L'antico Popolo Brettio sarà rievocato sabato prossimo tra i boschi della Sila, in quei luoghi dove la loro economia divenne florida perché legata all’allevamento, alla viticultura, allo sfruttamento del legno e alla lavorazione della pece.

Sarà proprio la loro attività di estrazione e lavorazione della pece (Pix Bruttia) ad essere al centro dell’evento con momenti di archeologia sperimentale, spettacoli di rievocazione storica, mostra sulla pece e sulla monetazione brettia, degustazioni di archeocucina.

L’estrazione della pece era effettuata praticando un’incisione nel tronco degli alberi avente forma di lisca di pesce. Il pino laricio, da cui veniva ricavata, ricopre attualmente l’80% dell’altopiano silano e, nel periodo in cui i Brettii si imposero sul mercato, doveva essere presente in percentuale ancora più elevata. La Sila fu quindi fondamentale per l’economia brettia.

La pece poi arrivava nei porti tirrenici e ionici dove veniva caricata sulle navi greche, romane e cartaginesi giungendo così nelle principali piazze del Mediterraneo.

La Pix Bruttia veniva non solo utilizzata nella manutenzione delle imbarcazioni, ma anche usata nell’impermeabilizzazione dei contenitori di terracotta, quali quelli del vino, i dolii, che permettevano l’invecchiamento della bevanda.

La pece, inoltre, versata all’interno della brocca, serviva a rendere i vini durevoli e aromatizzati, con l’aggiunta della mirra. Nel campo medico si preparavano numerosi impiastri adatti a curare fratture, lussazioni, infiammazioni o contusioni. Nel campo della cosmesi la si poteva trovare in impiastri per il trattamento dei foruncoli, per agevolare la rimozione della peluria sulle gambe e infine per la preparazione dei profumi. Infine, veniva adoperata anche in ambito veterinario.

L’iniziativa, che si svolgerà presso il Parco Avventura Cuturelle di San Giovanni in Fiore, con ingresso libero ed orario continuato dalle 10.00 alle 18.00, è organizzata dalle Associazioni “La Via Popilia” e “I Brettii” con il sostegno dell’Ente Parco Nazionale della Sila.

 

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook