LA PROVINCIA DI COSENZA ADERISCE ALL’OSSERVATORIO SULLA DEPURAZIONE PROPOSTO DA LEGAMBIENTE
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Mar, Set
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

LA PROVINCIA DI COSENZA ADERISCE ALL’OSSERVATORIO SULLA DEPURAZIONE PROPOSTO DA LEGAMBIENTE

LA PROVINCIA DI COSENZA ADERISCE ALL’OSSERVATORIO SULLA DEPURAZIONE PROPOSTO DA LEGAMBIENTE

Cosenza
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Quello che succede ogni anno in merito alla depurazione in Calabria è allarmante e arreca un danno notevole all’economia del territorio” ha dichiarato il Presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci.

LA PROVINCIA DI COSENZA ADERISCE ALL’OSSERVATORIO SULLA DEPURAZIONE PROPOSTO DA LEGAMBIENTE
LA PROVINCIA DI COSENZA ADERISCE ALL’OSSERVATORIO SULLA DEPURAZIONE PROPOSTO DA LEGAMBIENTE

 

“Da anni il sistema depurativo calabrese versa in uno stato di grande criticità nonostante sia stato speso oltre 1 miliardo di risorse pubbliche e a distanza di anni dall'avvio della procedura d'infrazione 2004/2034 e dalla collegata sentenza di condanna della CGUE del 19 luglio 2012 (C 565-10), continuano ad essere molti gli agglomerati non in regola.

La nostra Regione è oggetto di una procedura di infrazione da parte della Commissione europea perché in 49 comuni calabresi non esiste un sistema di depurazione efficace.

Si tratta, certo, di un problema annoso che riguarda tutto il territorio nazionale ma che in Calabria diventa emergenza ed ha portato ad una serie di sequestri di impianti e di problemi per gli enti locali sempre più in difficoltà di fronte ad un problema che non può essere lasciato alla sola responsabilità dei Sindaci.

Le criticità dell’inquinamento delle acque del nostro mare dipendono principalmente dalle carenze infrastrutturali sulla rete fognaria e depurativa.

Oltre alle carenze strutturali pesa, anche, l’inefficienza dei gestori del servizio idrico e una pianificazione d'ambito ancora incompiuta.

Tutto ciò accade nonostante le risorse disponibili e i tanti investimenti nel settore, si rende, pertanto, evidente la necessità di un monitoraggio costante e continuo del sistema integrato delle acque.

Non ci si può ricordare della mala depurazione solo d’estate di fronte alla rabbia dei turisti o in seguito a episodi giudiziari come quello di Crosia. Non si può restare passivi spettatori di fronte a tale situazione che si presenta come un’emergenza strutturale. Bisogna pianificare per tempo azioni e interventi e nell’ambito delle competenze della Provincia pensiamo di poter mettere a disposizione il nostro patrimonio di competenze per dare un contributo in tal senso.

Per queste ragioni accolgo con convinzione l’invito che Legambiente rivolge alla Provincia per istituire un Tavolo di confronto e un Osservatorio civico sullo stato di salute e la tutela del mare per superare tutte le criticità emerse di concerto con la Regione Calabria e la Prefettura” ha concluso Iacucci.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook