Casali del Manco, Una panchina gialla per Giulio Regeni - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Lun, Mag

Casali del Manco, Una panchina gialla per Giulio Regeni

Cosenza
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Casali del Manco, Una panchina gialla per Giulio Regeni
Casali del Manco, Una panchina gialla per Giulio Regeni

 

L'iniziativa, sposata dalle istituzioni locali, è nata su suggerimento di una cittadina

“Grazie per il gentile pensiero rivolto a Giulio come persona curiosa e colta, come cittadino del mondo. L’abbraccio affettuoso ci sembra un bel modo di ricordarlo, con l'auspicio che questa panchina non diventi luogo di ricordo ma di memoria e partecipazione attiva".

Questo il messaggio fatto pervenire dai signori Regeni, Paola e Claudio, in occasione dell'inaugurazione della prima panchina gialla in memoria del figlio, rapito, torturato ed ucciso in Egitto e per il quale non smettono di chiedere Verità. La panchina, posizionata dinnanzi la scuola primaria di c/da Morelli a Casali del Manco, nata su suggerimento di una cittadina, Emilia Rovito, è stata fortemente voluta dall'amministrazione comunale: “Non è un caso la vicinanza con la scuola perché è qui che fiorisce la cultura e cresce la speranza di un futuro al cui centro vi sia il rispetto dei diritti umani”; il pensiero del Presidente del Consiglio Comunale, Luca Covelli. Presente all'evento anche il Primo Cittadino casalino Nuccio Martire: “Libertà vuol dire democrazia, vuol dire chiedere verità anche quando questa può apparire scomoda. Un gesto, quello di posizionare una panchina, non solo simbolico ma, soprattutto, di azione verso partecipazione del territorio”. A pochi giorni dal processo contro gli 007 egiziani accusati di indicibili torture mortali, “ci pare davvero un bel modo per onorare la vita di Giulio Regeni”, ha concluso Don Gianni, dopo aver dato la sua benedizione alla panchina, con l'auspicio che si posso presto giungere a delle risposte.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002