RIACE (REGGIO CALABRIA), il ritorno di Mimmo Lucano: 'Aiuterò ancora questa terra'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Lun, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

RIACE (REGGIO CALABRIA), il ritorno di Mimmo Lucano: 'Aiuterò ancora questa terra'

RIACE (REGGIO CALABRIA), il ritorno di Mimmo Lucano: 'Aiuterò ancora questa terra'

Reggio Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

'Accusato ma sono innocente, ho lavorato per l'accoglienza'

RIACE (REGGIO CALABRIA), il ritorno di Mimmo Lucano: 'Aiuterò ancora questa terra'
RIACE (REGGIO CALABRIA), il ritorno di Mimmo Lucano: 'Aiuterò ancora questa terra'

 

RIACE (REGGIO CALABRIA), -SET. Provato, amareggiato, non più sindaco, né consigliere comunale, neppure di minoranza e con un processo penale sulle spalle dall'esito ancora molto incerto. Ma tutt'altro che disposto a mollare, a piegarsi e a pensare che sul cosiddetto "Modello Riace", in tema di accoglienza di uomini, donne e bambini che fuggono dalle guerre e dalle persecuzioni, si possa mai calare del tutto il sipario.

Mimmo Lucano, ex sindaco della cittadina collinare della Locride nota in tutto il mondo per i famosi Bronzi ma anche per l'accoglienza che almeno nell'ultimo decennio ha dato a centinaia di rifugiati, non si dà per vinto. "Dopo 11 mesi di 'esilio', visto il divieto di dimora che mi è stato imposto dall'autorità giudiziaria di Locri ad ottobre scorso, sono tornato, da uomo finalmente libero, nella mia cittadina, a Riace, dove conto, anche se non sono più amministratore comunale, di continuare a dare aiuto a chi ne avrà bisogno. Farò di tutto per lavorare e favorire i progetti di accoglienza perché ormai, nel mondo, Riace rappresenta questo", dice.

Nella sua prima conferenza stampa a Riace, dopo 11 mesi di esilio, Lucano, nonostante il "disturbo" del suono a festa, ogni dieci minuti, delle campane della chiesa ("Il parroco del paese, ha detto Mimmo Lucano, lo sta facendo di proposito. Del resto lui alle ultime elezioni comunali ha votato per la lista della Lega.."), ha fermamente ribadito di essere "stato accusato e mandato sotto processo per reati che non ho affatto commesso. Su quanto successo a Riace pretendo sia faccia al più presto chiarezza. Pretendo anche risposte chiare. Qui a Riace è arrivato, negli ultimi dieci anni, il mondo intero tessendo lodi. Com'è possibile, allora, che a Riace sia stato compiuto quello che la Prefettura di Reggio Calabria e la magistratura hanno ipotizzato. Io con l'anima e il cuore ho cercato di non fare solo il semplice sindaco che si mette la fascia e basta ma di creare una realtà diversa, di far emergere, con accoglienza e ospitalità, un territorio fin troppo bistrattato e abbandonato dallo Stato da decenni".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook