Comune toglie cartello, Riace non è più il "paese dell'accoglienza"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mer, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Comune toglie cartello, Riace non è più il "paese dell'accoglienza"

Comune toglie cartello, Riace non è più il "paese dell'accoglienza"

Reggio Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

A sostituirlo, per volontà del sindaco Trifoli, c'è un pannello dedicato ai Santi Medici Cosma e Damiano

Comune toglie cartello, Riace non è più il
Comune toglie cartello, Riace non è più il "paese dell'accoglienza"

 

Riace non più "Paese dell'accoglienza", come recitava il cartello stradale collocato all'ingresso del vecchio borgo, ma diventa il "paese dei Santi Cosma e Damiano" come è scritto sul pannello, nuovo di zecca, che è stato installato all'ingresso del paese.

A disporre la nuova indicazione, che ha suscitato non poche polemiche, è stato il sindaco del centro della locride, Antonio Trifoli, che con tanto di fascia tricolore, assieme ai due sacerdoti della cittadina, don Giovanni Coniglio e don Giovanni Piscioneri, ha collocato e benedetto la nuova insegna che archivia simbolicamente, e non solo, il "modello di accoglienza" Riace.

Ecco l’ultimo oltraggio a #Riace voluto dal nuovo sindaco leghista, che ha sostituito la storica insegna che dava il benvenuto al borgo, con l’ennesima squallida strumentalizzazione dei simboli sacri. #mimmolucano #restiamoumani pic.twitter.com/wDORM1jF1a — Silvia L (@SilviaL24965276) September 23, 2019

Una decisione, che secondo l'amministrazione comunale eletta la scorsa primavera, non ha alcuna motivazione polemica ma si collega ad una ricorrenza religiosa, i 350 anni dall'arrivo in paese delle reliquie dei Santi Medici cui nella cittadina è stato dedicato un Santuario e la cui festa con pellegrinaggi si celebra in due momenti, a maggio, e dal 25 al 27 settembre di ogni anno.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook