VIBO VALENTIA, tentano estorsione a imprenditori, presi - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Mag

VIBO VALENTIA, tentano estorsione a imprenditori, presi

VIBO VALENTIA, tentano estorsione a imprenditori, presi

Vibo Valentia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Fermati da Cc dopo denuncia, agito per conto "amici di Vibo"

VIBO VALENTIA, tentano estorsione a imprenditori, presi
VIBO VALENTIA, tentano estorsione a imprenditori, presi

 

VIBO VALENTIA, 14 FEB - Due uomini, Emilio Pisano, di 50 anni, di Gerocarne, e Vincenzo Puntoriero, di 65, di Rosarno ma residente a Vibo, sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno per tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose nell'ambito di una inchiesta della Dda di Catanzaro. I due, per come emerge da una intercettazione, avrebbero agito per conto di altre persone, i cosiddetti "amici di Vibo". Nei confronti di questi ultimi non sono stati adottati provvedimenti anche se i loro nomi sono presenti nell'ordinanza: si tratta di soggetti già coinvolti nell'inchiesta "Nuova Alba" del 2007. L'inchiesta, denominate "'Mbasciata", è iniziata a febbraio 2018 dopo la denuncia di due fratelli imprenditori, impegnati in lavori per il ripristino delle fognature a Vibo Valentia. Gli indagati avrebbero chiesto il pagamento di 2000 euro. Il capitano Marco Di Caprio, comandante della Compagnia di Serra, ha evidenziato l'importanza della collaborazione delle vittime.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002