VIBO VALENTIA, al Festival Leggere&Scrivere, Antonio Padellaro
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mar, Feb

VIBO VALENTIA, al Festival Leggere&Scrivere, Antonio Padellaro

VIBO VALENTIA, al Festival Leggere&Scrivere, Antonio Padellaro

Vibo Valentia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Padellaro: Almirante vs Berlinguer, rispetto e lealtà nella politica

VIBO VALENTIA, al Festival Leggere&Scrivere, Antonio Padellaro
VIBO VALENTIA, al Festival Leggere&Scrivere, Antonio Padellaro

 

VIBO VALENTIA «Potete vederlo su Youtube: a distanza di anni la scena dell’arrivo di Giorgio Almirante a Botteghe Oscure a rendere omaggio alla salma di Enrico Berlinguer mette ancorai brividi e fa riflettere» ha iniziato così Antonio Padellaro a raccontare il suo libro al pubblico del Festival Leggere&Scrivere.

Il libro in questione è Il gesto di Almirante e Berlinguer (Paper First), che la firma de Il fatto quotidiano ha dedicato a una serie di incontri segreti che i leader del Pci e dell’Msi hanno avuto sul finire degli anni Settanta.

«I contenuti di questi incontri sono rimasti segreti, nel mio libro però ho voluto scrivere del contesto, e dei gesti: quest’ultimi in politica sono importanti, senza i gesti le parole non servono insieme» ha sottolineato Padellaro. Il contesto è quello della fine degli anni di piombo che vedono l’Italia dilaniata da stragi, terrorismo rosso, trame nere.

Il gesto è quello dell’incontro. Ha osservato Padellaro: «Quell’incontro nasce dal senso di consapevolezza di Berlinguer e Almirante riguardo la situazione del Paese. Un gesto che sottintendeva rispetto, senso di responsabilità e amicizia. Queste tre parole oggi sembrano uscite dal panorama politico».

L’attenzione cade sulla situazione attuale. Padellaro ha ammonito: «Io non sono di quelli che ‘quanto si stava bene una volta’. L’Italia di Berlinguer e Almirante era macchiata dal sangue; oggi viviamo altri problemi ma non c’è un’emergenza terroristica». Padellaro ha puntato il dito su un altro aspetto: «Una volta la classe dirigente si formava dal mondo delle professioni e viveva anni di militanza politica prima di assurgere a posizioni di potere».

Ancora Padellaro: «La comunicazione ha divorato la politica, anzi la politica è comunicazione fine a se stessa; quel che conta far clamore sui social». Un’ultima osservazione: «I cittadini vogliono capire, bisogna tornare all’antico, parlare di problemi concreti e non solo lanciare slogan. Oggi la lettura dei quotidiani è scesa di un terzo e c’è un astensionismo elettorale del 50%. I media e la politica a questo proposito si dovrebbero porre qualche domanda».

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002