VIBO VALENTIA, Festival Leggere&Scrivere, ''Filosofia in carcere''
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Mer, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

VIBO VALENTIA, Festival Leggere&Scrivere, ''Filosofia in carcere''

VIBO VALENTIA, Festival Leggere&Scrivere, ''Filosofia in carcere''

Vibo Valentia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Iincontro promosso dal festival alla Casa circondariale di Vibo Valentia. Il filosofo Giuseppe Ferraro: “Ripensate voi stessi”

VIBO VALENTIA, Festival Leggere&Scrivere, ''Filosofia in carcere''
VIBO VALENTIA, Festival Leggere&Scrivere, ''Filosofia in carcere''

 

VIBO VALENTIA “Filosofia in carcere” è il titolo dell’incontro avvenuto alla Casa circondariale di Vibo Valentia – diretta da Angela Marcello – nell’ambito del programma del festival Leggere&Scrivere 2019. Ed è anche il titolo di un libro scritto da Giuseppe Ferraro, professore di filosofia morale all’Università Federico II, il quale pratica filosofia nelle carceri e nei luoghi d'eccezione, nelle periferie del mondo e nelle scuole.

Il filosofo Ferraro, accompagnato dalla vibonese Fabiana Fabroni e dalla direttrice del carcere Marcello, si è immerso tra i detenuti per condividere i contenuti delle sue idee e del suo innovativo progetto sociale. L’obiettivo, dunque, è quello di dialogare senza pregiudizi e trasmettere la possibilità di entrare in relazione tra loro e con l'altro fuori da una logica di interessi e di violenza.

All’incontro nella Casa circondariale, che ha registrato un’alta partecipazione e attenzione, hanno preso parte circa 90 detenuti di media e alta sicurezza, il corpo docente del carcere, i componenti dell’area educativa e gli agenti penitenziari.

“La pena deve essere un diritto – ha detto Ferraro – diritto di ripensare se stessi, di ritrovare quelle parti di sé mai conosciute e sempre sapute”.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook