Giulia Tramontano all’amica: "Alessandro mi ha rovinato la vita"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Lun, Giu

Giulia Tramontano all’amica: "Alessandro mi ha rovinato la vita"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - “Alessandro mi ha rovinato la vita. Adesso sono costretta a tornare in Meridione dopo tutti i sacrifici fatti per lasciarlo”. Questo confidava Giulia Tramontano a un’amica via whatsapp nella prima serata di sabato scorso, poche decine di minuti prima di venire uccisa dal compagno nella loro casa di Senago, alle

porte di Milano.  

La conversazione telematica, con messaggi vocali, inizia alle 18.25, dopo che la 29enne saluta l’altra ragazza legata sentimentalmente a Impagnatiello. Un incontro in cui le due donne smascherano tutte le bugie dell’uomo che inconsapevolmente condividono. Dettagli che feriscono Giulia, come il fatto che in sua assenza Alessandro togliesse dalla casa di Senago le foto che la ritraevano, così da poter accogliere l'altra donna. E ancora quando, in occasione del compleanno di quest’ultima, trascorre da lei il fine settimana, raccontando alla 29enne con cui conviveva di essere in Emilia Romagna con un amico.  

Particolari che convincono Giulia, che già - racconta l’amica - “nutriva forti dubbi sulla sincerità di Alessandro”, a tornare a casa per parlare con lui e, dopo essersi calmata un po’, andarsene. Una volta arrivata, però, troverà la morte per mano del compagno, che per rassicurare l’amica preoccupata, le scriverà dal telefono della 29enne. “Niente zia non ne posso più, ora vado a riposarmi”, l’ultimo messaggio, alle 21.50, quando Giulia era già stata uccisa.  

Non solo. Lo scorso sabato pomeriggio, quando Giulia e l’altra ragazza con cui il compagno aveva una relazione s’incontrano nel locale di Armani, dove Alessandro Impagnatiello lavorava, il barman è assente, nonostante fosse di turno. Questo perché il 30enne aveva lasciato prima il lavoro, raccontando ai responsabili di doversi recare in ospedale dalla madre. Un’altra menzogna, che Giulia rivela all'amica su whatsapp mentre sta tornando a casa, prima di venire uccisa. La confidente, sentita lunedì pomeriggio dai carabinieri, racconta che l’amica in un messaggio audio "scioccata” le aveva riferito il contenuto della conversazione avuta con l’altra donna del compagno. È quest’ultima a dirle che Alessandro “sul luogo di lavoro è visto male”, tanto da venire soprannominato ‘lurido’ e che “in passato è stato anche sospeso per aver sottratto soldi sul luogo di lavoro”.  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.