"Ho ucciso Giulia perché stressato": la versione di Impagnatiello
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Dom, Lug

"Ho ucciso Giulia perché stressato": la versione di Impagnatiello

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Avrebbe ucciso la compagna Giulia Tramontano “perché stressato dalla situazione che si era venuta a creare”. Questa la motivazione addotta da Alessandro Impagnatiello, il barman 30enne reo confesso per l’omicidio della compagna incinta, durante l’interrogatorio di convalida del fermo nel carcere di

San Vittore, di fronte alla gip Angela Minerva.  

Lo “stress” sarebbe stato determinato dalla “gestione delle due ragazze”, con cui intratteneva relazioni parallele, ma anche dal fatto che della sua doppia vita fossero venute a conoscenza altre persone, tra cui colleghi di lavoro.Un elemento, questo, che “addirittura aggrava la sproporzione tra i motivi e la condotta omicidiaria” per la gip, che nell’ordinanza di 26 pagine con cui convalida il fermo e applica la custodia cautelare in carcere per Impagnatiello riconosce l’aggravante dei futili motivi.  

Il magistrato, che ha convalidato il fermo del 30enne, ha anche disposto per il barman la custodia cautelare in carcere. Esclusa però l’aggravante della premeditazione dell’omicidio, contestata dalla procura. Citando la giurisprudenza, la gip Minerva spiega che nell’omicidio di Giulia Tramontano non ci sarebbe premeditazione, bensì “preordinazione”, non essendoci un “previo studio delle occasioni ed opportunità per l'attuazione, un'adeguata organizzazione di mezzi e la predisposizione delle modalità esecutive”. È vero – riconosce il giudice - che Impagnatiello, dopo aver ucciso Giulia ha in un primo momento tentato di bruciarne il cadavere nella vasca da bagno, alle 19 di sabato scorso, poco prima dell’omicidio, ha cercato sul web “ceramica bruciata vasca da bagno”. Una ricerca che il barman questa mattina durante l’interrogatorio di convalida del fermo ha giustificato, spiegando di cercare “rimedi per l'eliminazione di una macchia della vasca da bagno manifestatasi nei giorni precedenti” e aggiungendo che “tale attività era un modo per distrarsi dalla situazione di forte stress che stava vivendo”. 

Una spiegazione “priva di credibilità” per la gip, che pur escludendo che “l'azione delittuosa dell'indagato sia stata conseguenza di un'azione totalmente estemporanea ed impetuosa”, non riconosce l’aggravante della premeditazione. Esclusa anche, nell’ordinanza di convalida del fermo e di applicazione della misura cautelare in carcere l’aggravante della crudeltà, contestata dalla procura. Riconosciute invece le altre circostante aggravanti, ovvero i futili motivi e il vincolo di convivenza che legava Impagnatiello alla sua vittima. 

Impagnatiello davanti alla gip ha poi cambiato versione sul ferimento di Giulia Tramontano: non ha cercato di farsi male con un coltello da cucina poco prima che lui prendesse l’arma e la usasse per ucciderla, ma si è ferita “inavvertitamente” mentre stava cucinando. Ai pm, invece, mentre confessava l’omicidio, Impagnatiello aveva raccontato che la 29enne incinta si sarebbe procurata dei tagli sulle braccia da sola, con il coltello con cui stava cucinando e poi si sarebbe inferta anche “qualche colpo all’altezza del collo”. A quel punto lui “per non farla soffrire” le avrebbe a sua volta “inferto tre o quattro colpi all’altezza del collo”. Una versione che non convinceva gli inquirenti, ora smentita dallo stesso Impagnatiello. 

"Alessandro è un mostro", ha affermato tra le lacrime Sabrina Paulis, madre di Alessandro Impagnatiello, in un'intervista a 'La vita in diretta' su Rai1. "Non oso immaginare i familiari di Giulia, la mamma Loredana è una persona fantastica - dice piangendo la donna -. Alessandro è un mostro, io le chiedo perdono da madre ma non so cosa fare. Io le chiedo perdono - ripete - per aver fatto un figlio così, chiedo perdono a tutta la famiglia. E' l'unica cosa che posso dire. Chiedo perdono per aver fatto un figlio così che nessuno sapeva - ripete ancora Sabrina Paulis -. Ma Ale non era così - aggiunge commuovendosi - non era così, credetemi. Non lo so cosa è successo. Io non ci credo ancora". 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.