Giulia Tramontano, i messaggi di Impagnatiello prima e dopo l'omicidio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Set

Giulia Tramontano, i messaggi di Impagnatiello prima e dopo l'omicidio

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Ma che madre sei!". Giulia Tramontano aveva scoperto dei tradimenti e delle menzogne del fidanzato Alessandro Impagnatiello e aveva deciso di lasciarlo. "Veramente prima ancora di far nascere un bambino tu vuoi già dividerci? Vuoi farlo nascere con due genitori già separati? Ma che madre sei!", scriveva il 30enne

il 25 maggio, due giorni prima dell'omicidio. "Accetta la mia decisione e chiudiamo il discorso", scriveva la 29enne incinta al settimo mese, spiegando concitata ad Alessandro di non volerlo più vedere come il suo compagno, "così da non aspettarmi più nulla e trovare la mia pace". Nel frattempo "condividiamo una casa finché sarà necessario". 

E a lui che le ribatteva "che madre sei?", la 29enne rispondeva sarcastica: "L'importante è che tu sia un buon padre, io penso a me, tranquilla". E lui: "Ma ti sembra normale parlare così con un bambino in pancia?". E Giulia esasperata: "Non mi sembra normale far arrivare invece una persona a questo limite". 

E dopo aver ucciso la compagna, allo scopo - secondo gli inquirenti - di depistare le indagini sulla sua scomparsa, Impagnatiello ha continuato per giorni a scrivere messaggi. Si lamentava di avere i "giornalisti" che "mi stanno molestando sotto casa. Ti prego - supplicava la donna morta quattro giorni prima - è invivibile così". E' dalla mezzanotte di sabato, poche ore dopo averla uccisa, che Impagnatiello inizia a inviare messaggi al cellulare della vittima. La mattina successiva le scrive dal lavoro, raccomandandole di riposarsi. E di fronte al silenzio di lei, ormai morta: "Hey ma sei ancora a letto?". E così per tutta la giornata di domenica, quando viene sporta la denuncia di scomparsa. 

I messaggi proseguono anche nei giorni successivi, mentre continua la disperata ricerca della 29enne. "So che non son stato un fidanzato ideale negli ultimi mesi. Ti ho mancato di rispetto. A te che sei stata la prima ed unica ragazza ad avere accolto mio figlio", scrive Impagnatiello, già padre di un bambino avuto da una precedente relazione. "Mi hai fatto esplodere il cuore. Non volevo spezzare il tuo io invece. Non volevo che non ti brillassero più gli occhi quando stavamo insieme. Hai il pieno delle ragioni, ma voglio chiederti solo un favore: dicci solo che stai bene", le parole che rivolge alla donna che ha ucciso due giorni prima. 

La mattina del 31 maggio, dopo aver lasciato - stando alla confessione fatta la notte successiva - il corpo di Giulia in un'intercapedine, Alessandro le scrive ancora, chiamandola affettuosamente "Tata". E dopo essersi lamentato dei giornalisti sotto casa, "Siamo al quarto giorno oggi, finiscila con questa storia e batti un colpo, ti supplico". E' l'ultimo messaggio, poche ore dopo Impagnatiello, di fronte alle prove ormai evidenti raccolte contro di lui dagli inquirenti, confesserà l'omicidio, facendo ritrovare il corpo della 29enne incinta. 

Giulia sapeva che il 30enne aveva una relazione con un’altra donna già dal mese di gennaio, ha riferito la sorella di Giulia, Chiara, quando lo scorso lunedì è stata sentita dai carabinieri della stazione di Senago, all’indomani della denuncia di scomparsa della 29enne. 

Le due sorelle, legatissime, vivevano lontane da cinque anni ma si sentivano quotidianamente e trascorrevano le vacanze insieme. Chiara, di due anni più piccola, però non approvava la relazione con Impagnatiello. “Fin dall’inizio non ho mai avuto una grande stima di Alessandro”, racconta Chiara ai carabinieri. Perplessità manifestate anche alla sorella, che dal canto suo non le nascondeva che fin dal “febbraio 2021, quando è iniziata la convivenza con Alessandro” nella casa di Senago “c’erano problematiche sentimentali con il compagno”, che “spesso assente per lavoro” lasciava Giulia a casa da sola. 

La situazione si aggrava quando “nel mese di gennaio 2023 mia sorella mi riferiva che Alessandro le aveva confidato di avere un’altra relazione sentimentale con un’altra ragazza”. Giulia, che ha superato il primo trimestre di gravidanza, lascia Senago e trascorre due settimane con la famiglia nella casa di Sant’Antimo, in provincia di Napoli. Racconta ai genitori di essere incinta e delle “problematiche sentimentali con Alessandro”, ricevendo da loro tutto il supporto necessario. La ragazza si congeda dalla famiglia dicendo che “non avrebbe perdonato Alessandro, ma sarebbe tornata a Senago temporaneamente in attesa di trovare un’altra soluzione abitativa oppure tornare a casa dei genitori”. 

Passano i mesi e la 29enne resta a vivere con il compagno nel milanese. Ad aprile i due decidono di fare qualche giorno di vacanza a Ibiza. Chiara non approva e le due sorelle discutono. I rapporti si raffreddano, ma i primi di maggio, quando si ritrovano insieme a casa dei genitori, tra loro torna tutto come prima, con scambi di messaggi e telefonate quotidiani, fino a quando Giulia, domenica scorsa, smette di rispondere. Era già morta, uccisa la sera prima da Alessandro. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.