Palermo, parla la vicina di casa: "Lui picchiava la moglie e parlava sempre del Diavolo"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Feb

Palermo, parla la vicina di casa: "Lui picchiava la moglie e parlava sempre del Diavolo"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Un uomo che "picchiava la moglie" e "parlava sempre del Diavolo". Così la vicina di casa descrive Giovanni Barreca, il 54enne accusato di aver sterminato la famiglia oggi, 11 febbraio, ad Altavilla Milicia, vicino Palermo.

 

"Non so se picchiava anche i figli - continua Pascal Ballof - Antonella Salamone (la moglie, ndr) parlava di sé. Mi diceva che voleva tornare a vivere a Novara, dove vivevano prima. Io le dissi 'Perché non lo denunci?' ma lei non lo denunciò mai". La donna non poteva avere rapporti con la vicina "perché Giovanni un po’ glielo impediva sia ai figli che alla moglie". 

"I figli - racconta ancora la donna - sembravano più piccoli della loro età e andavano a scuola senza libri, la ragazza era timidissima, mentre il figlio piccolo veniva spesso rimproverato. Il grande aveva imparato dal padre a uccidere e imbalsamare gli uccelli". La 17enne sopravvissuta alla strage era "la figlia preferita dal padre", racconta ancora la vicina di casa. "Giovanni Barreca mi faceva paura, lo temevo. Era molto strano - dice - lui parlava sempre del Diavolo". 

"Diceva sempre che non esiste Dio - aggiunge - e mi spegneva la luce della statua della Madonnina che tenevo in giardino". Poi ogni tanto "si vedevano persone a casa e cantavano".  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.