Roma, morto sbranato da 3 rottweiler mentre fa jogging
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Feb

Roma, morto sbranato da 3 rottweiler mentre fa jogging

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Aggredito e sbranato a morte da tre rottweiler mentre faceva jogging nel bosco a Manziana, vicino Roma. E' accaduto questa mattina verso le 8.30. L'uomo, di mezza età, è stato ritrovato riverso a terra deceduto con

profonde lesioni sul viso e gli arti superiori.  

I tre rottweiler, che sono stati catturati, sarebbero scappati da una abitazione non lontana. I carabinieri sono ancora al lavoro per identificare la vittima. 

Sul posto oltre ai Carabinieri di Manziana, guardia parco del Bosco di Manziana, CC Forestali di Manziana, veterinari e accalappia cani (dotati anche di fucili con sedativi), protezione civile, Sindaco e Vice Sindaco di Manziana. 

 

L'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (Aidaa) esprime tutto il suo ''dolore e la vicinanza alla famiglia'' dell'uomo morto dopo essere stato aggredito e sbranato da tre rottweiler a Manziana, vicino Roma. Aidaa però chiede anche che i ''tre cani non vengano soppressi e che si faccia un indagine accurata sull'accaduto verificando eventuali responsabilità di terzi nella fuga dei cani''. 

L'Organizzazione internazionale protezione degli animali (Oipa) chiede al legislatore di regolamentare la detenzione di determinati tipi di cani che troppo spesso vengono scelti anche da persone non in grado di gestirli correttamente. A livello locale, alcuni Comuni, come quello di Milano, hanno regolamentato la materia prevedendo la concessione di patentini per la detenzione di alcune razze o simil-razze. 

Nel 2006 il Ministero della Salute ha emesso un'ordinanza riguardante la "tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani", nella quale era prevista una lista di razze canine ritenute pericolose. Successive ordinanze hanno poi abolito questo elenco a causa della relativa incertezza e, soprattutto, della discriminazione delle razze. 

"Attualmente la pericolosità di un cane viene determinata a seconda di fatti specifici", spiega l'avvocato Claudia Taccani, responsabile dell’Ufficio legale dell’Oipa. "In caso morsicatura o zuffa tra cani, infatti, il cane e il suo proprietario vengono segnalati al Servizio veterinario Asl, che tiene un registro dei cani dichiarati aggressivi, e sono obbligati a seguire un corso formativo. Il corso è organizzato dal Comune, insieme al Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria locale, avvalendosi della collaborazione degli Ordini professionali dei medici veterinari e di associazioni di protezione animale. Le spese sono sostenute dal proprietario del cane “impegnativo”. In caso di pericolosità grave, scatta l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa e l’obbligo di utilizzare il guinzaglio e la museruola nelle strade e nei luoghi aperti al pubblico". 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.