Vibo Valentia, Adriano Giannola (Svimez) a Leggere&Scrivere
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Dom, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Vibo Valentia, Adriano Giannola (Svimez) a Leggere&Scrivere

Vibo Valentia, Adriano Giannola (Svimez) a Leggere&Scrivere

Vibo Valentia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Giannola: “Rispettare il parametro del 34% della spesa per investimenti nel Sud” Il sindaco di Matera: “Non possiamo accettare la secessione dei ricchi”

Vibo Valentia, Adriano Giannola (Svimez) a Leggere&Scrivere
Vibo Valentia, Adriano Giannola (Svimez) a Leggere&Scrivere

 

VIBO VALENTIA. “Cosa dovrebbe fare il Governo per diminuire il gap tra Nord e Sud? In questa finanziaria può fare poco”. Lo dice Adriano Giannola, presidente Svimez, ospite alla prima giornata del festival Leggere&Scrivere, intervenuto al dibattito dal titolo “Emergenza Sud” insieme al sindaco di Vibo Maria Limardo – che ha introdotto l’incontro – e al primo cittadino di Matera Raffaello De Ruggieri.

“Va rispettato il parametro per cui la spesa ordinaria al Sud in conto capitale, senza i fondi strutturali, deve corrispondere al 34% della spesa nazionale”. Ha detto ancora Giannola aggiungendo che nel 2019 il prodotto interno del Nord è aumentato del 3%, mentre al Sud si è perso il 3%. “Se si spende al Sud – ha spiegato – l’effetto è molto più forte. Questo ci dice l’analisi econometrica realizzata da noi che ci pone davanti ad una strategia da adottare. Consideriamo che le regioni forti del Nord, paragonate con il resto d’Europa, stanno perdendo posizioni”.

Il rapporto Svimez 2019, infatti, fotografa una “recessione per il Mezzogiorno” dove tra il 2002 e il 2017 sono stati oltre 2 milioni gli emigrati dal Sud. A raccontare un Sud non piegato su stesso ma operoso il sindaco di Matera De Ruggieri: “L’autonomia richiesta da alcune regioni del Nord certifica un egoismo territoriale – ha detto – si ritiene di utilizzare energie proprie a discapito di altri. Non possiamo accettare la secessione dei ricchi, come è stata definita. Matera, appunto, era l’esempio dell’arretratezza meridionale, definita la vergogna nazionale. Questo era Matera e non può esserlo il Mezzogiorno. Oggi invece – ha aggiunto – è diventato orgoglio di appartenenza manifestato poi nella designazione a capitale europea della cultura nel 2019. Abbiamo sconfitto tante città e credo che l’elemento partecipativo sia stato determinante, cittadini da comparse in protagonisti”.

Tutto pronto stasera a palazzo Gagliardi per lo spettacolo “Graphic Novel is back” (Rizzoli Lizard) di Davide Toffolo, fumettista e frontman della band Tre Allegri Ragazzi Morti. E all’Auditorium Spirito Santo, per la terza edizione della rassegna musicale Greta à jamais, dedicata alla violinista vibonese Greta Medini, va in scena il Recital di Lucio Gallo (baritono) e Antonia Comito (pianoforte).

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook