GDD FASHION WEEK: Rosa Di Marzio vince la prima preview al Macro
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Gio, Nov
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

GDD FASHION WEEK: Rosa Di Marzio vince la prima preview al Macro

Tre grandi ospiti, cinque stilisti in gara e più di trenta abiti presentati. Si è di nuovo alzato il sipario sull’edizione 2020 della GDD FASHION WEEK e come già accaduto lo scorso anno, la “ripartenza” è avvenuta dal MACRO di Roma, il Museo di arte contemporanea della capitale che sostiene attivamente il progetto.

Cinque i fashion designer in gara: Flavia Mardi, Simona Bussoletti, Daniele Colasante, Paolo Pastorino e Rosa Di Marzio. Tre gli ospiti dell’arte sartoriale: Ina Bordonaro, vincitrice GDD FASHION WEEK 2018, Alberto Maiorelli, vincitore dell’edizione 2019 della GDD, ed il brand Onom. Ma soprattutto la presenza d’eccezione dell’ex ministro Nunzia De Girolamo, opinionista e protagonista di “Ballando con le stelle”, della giovane attrice Giulia Petrungaro, interprete della fiction “Il Paradiso delle signore” e di Valeria Oppenheimer autrice e conduttrice del format televisivo “Top tutto quanto fa tendenza”. E poi la giuria, che si è andata a completare con Nicolas Martino (filosofo e scrittore), Daria Manzolini (giornalista magazine “La Mia Boutique”), Claudia Nigro (Marni rappresentanze) e Juriy Villanova (Never tee stop). Ed è stata proprio Nunzia De Girolamo a sottolineare la valenza del format, capace di declinare all’unisono arte e creatività, “pilastri sui quali l’Italia dovrebbe investire di più”.

L’evento ha consentito al pubblico di osservare non solo le linee innovative degli abiti proposti, ma anche gli itinerari di ricerca che la moda, da qui ai prossimi anni, percorrerà senza sosta, nel segno del made in Italy. Ina Bordonaro ha presentato una collezione dedicata al mare, con tessuti leggeri e trasparenze quanto mai eleganti e sensuali. La giovane artista siciliana, già dalla prossima preview, si siederà nuovamente in giuria per valutare le performance dei partecipanti al contest. Tanti gli applausi per Alberto Maiorelli, vincitore del 2019, che ha ricevuto la borsa di studio da 2 mila euro messa in palio da Banca Mediolanum. Lo studente dell’Accademia italiana, che ha sede a Firenze e Roma, ha saputo stupire tutti, anche in considerazione della sua giovane età. Un talento destinato a crescere. Sempre ricercate le linee di Onom che, per questa particolare occasione, ha vestito l’attrice Giulia Petrungaro, pronta a riprendere le registrazioni della fiction di Rai Uno “Il paradiso delle signore”, tanto amata dal pubblico italiano.

Ad aggiudicarsi il contest e conquistare l’accesso alla fase finale, è stata Rosa Di Marzio con una capsule basata sul claim “Io mi vesto, non mi faccio vestire”. L’ idea è quella di abiti che vanno raccontati per privilegiare l’incontro ed il dialogo, nella convinzione che i capi debbano essere indossati da persone normali, belle nella loro imperfezione. Per gli altri designer il percorso continua. Da qui al prossimo mese di dicembre, infatti, si svolgeranno sempre al Macro, altri due eventi: giovedì 21 novembre e martedì 19 dicembre.

A conclusione della serata la direttrice artistica Viviana Lorelli ha reso noto il bando dell’edizione 2020 della GDD FASHION WEEK che da sabato 26 ottobre sarà pubblicato sul sito ufficiale della kermesse (www.gddfashionweek.it) e sulle pagine FB e IG. «L’invito che facciamo ai fashion designer – rimarca la stessa Lorelli – è di presentare i propri progetti sul tema: “LA MODA TRA DIECI ANNI. Forme, materiali e toni per la donna del domani”. Il design, in generale, e la moda, in particolare, in un futuro non troppo lontano, dovranno rispondere ai canoni del cambiamento e della sostenibilità. L'intento è progettare outfit intelligenti e sensibili che possano adattarsi principi nuovi e diversi, quali l’adattamento climatico, il riuso e riciclo, le energie pulite e rinnovabili, la diminuzione delle emissioni nocive, la scelta dei materiali. Green - economy, cultura e coesione sociale si apprestano a diventare indicatori fondamentali per dare vita ad un modello di economia della qualità legato alla creatività e all’innovazione». La scadenza del bando è fissata all’8 marzo 2020.

PREVIEW MACRO - CREDITS

Direzione artistica: Ernesto Pastore, Viviana Lorelli
Organizzazione: Martina Fucà, Erica Garritano
Grafiche: Laura Viola
Regia: Giulia Dedola, Yari Saccotelli
Riprese e montaggio: Yvan Saccotelli
Basi musicali: Angelo Antonacci
Fotografia: Alice Sciotti, Irene Di Salvo
Social media manager: Saida Secli
Make - up artist: Valentina Michele
Models: Silvia Pucci, Elena Gangemi, Chiara Vagnarelli, Alessandra Giancola, Melanie Bonafede
Realizzazione premi: Antonio Reda
Service: Adriano Mongelli
Thanks to: Gigi Porro, Fabio Greco

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook