Covid, Giacomo Poretti: "Sono stato malato e ho avuto molta paura"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Lun, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, Giacomo Poretti: "Sono stato malato e ho avuto molta paura"

Covid, Giacomo Poretti: "Sono stato malato e ho avuto molta paura"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il virus se ne è andato, sbattendo qua e là contro porte e stipiti, ubriaco di tachipirina".

Covid, Giacomo Poretti: "Sono stato malato e ho avuto molta paura"
Covid, Giacomo Poretti: "Sono stato malato e ho avuto molta paura"

 

Così Giacomo Poretti, del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, parla al sito di Comunione e Liberazione (clonline.org) della sua esperienza con il coronavirus. "Sono stato malato, e mia moglie con me, a marzo. E ho avuto paura, molta", aggiunge. Quanto al dopo-Covid, afferma: "Io penso che in me rimarrà qualcosa. E non solo in me. Io mi sono ammalato, mi è capitato. Per diversi giorni, settimane, ho temuto per la mia incolumità e quella dei miei familiari. Pensavo alla morte. Cosa sarebbe successo a mio figlio?"  

Giacomo si sente cambiato: "Il virus ormai se ne è andato da casa mia. Eppure quell’ombra è rimasta; dentro me, dentro casa. Non che non ci avessi mai pensato prima. Ma ora è diverso. E tanti amici mi raccontano la stessa cosa". Secondo l'attore, "questi due mesi hanno fatto pensare alle cose superflue che abbiamo in casa, per dirne una". "C’è chi ha buttato via vecchi vestiti, libri, alcune cavolate: 'Mia moglie mi ha messo lì gli scatoloni'. Sembra solo una pratica di pulizia, ma in realtà è molto di più. È il bisogno di andare all’essenziale. Come se il virus ci dicesse: 'Ma di cosa hai bisogno davvero?'. Ce ne scorderemo magari, e riprenderemo a comprare come prima. Ma questo ci ha segnato". 

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook