Clementi: "Scuole assolutamente aperte altrimenti falliamo come Paese"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Dom, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Clementi: "Scuole assolutamente aperte altrimenti falliamo come Paese"

Clementi: "Scuole assolutamente aperte altrimenti falliamo come Paese"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Le scuole vanno assolutamente aperte, senza non siamo un Paese che garantisce il futuro dei ragazzi.

Clementi:
Clementi: "Scuole assolutamente aperte altrimenti falliamo come Paese"

 

Va fatto tutto quello che serve per permettere l'inizio dell'anno scolastico". Lo sottolinea all'Adnkronos Massimo Clementi, direttore del laboratorio di Microbiologia e virologia all'ospedale San Raffaele di Milano. "E' oggettivamente singolare che qualcuno vicino al Governo faccia dichiarazioni che invece gettano una ombra sulla possibile riapertura", aggiunge Clementi commentando l'intervista del consulente del ministro della Salute Walter Ricciardi pubblicata oggi sul 'Messaggero'. "Dobbiamo applicare alle scuole il modello che oggi sta funzionando - aggiunge Clementi - ovvero scovare i piccoli focolai e controllarli immediatamente. Anche l'idea del medico scolastico mi piace moltissimo, è stato già fatto anni fa all'epoca della diffusione dell'Aids e funzionò". "Oggi la maggioranza dei casi registrati è d'importazione, non c'è una emergenza ma serve molta attenzione perché con questo virus dobbiamo conviverci. Sono contagi che possono avere una origine vacanziera, questo è accaduto perché non è stata data una informazione corretta ai giovani, c'è stato un libera tutti per le vacanze senza dare indicazioni ai giovani su quali Paesi da evitare. La Spagna, soprattutto la Catalogna e Ibiza, ma anche la Croazia erano da evitare".  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook