Scuola, Turi (Uil) a Miozzo: "tamponi obbligatori a rientro, procedano insieme a vaccini" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
07
Mar, Dic

Scuola, Turi (Uil) a Miozzo: "tamponi obbligatori a rientro, procedano insieme a vaccini"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Campagna vaccinale di AstraZeneca al nuovo via libera. "Anche se la paura c'è, sono ottimista: i docenti hanno una visione concreta della realtà e sanno che è più pericoloso stare in classe che vaccinarsi, come confermano i dati recentemente diffusi dall'Istituto superiore della sanità sui contagi a scuola nella fascia di età tra i 0 e i 9 anni".

A parlare è Pino Turi, segretario nazionale di Uil scuola che sollecitato sull'ipotesi di rendere al rientro in classe i tamponi obbligatori per tutti gli studenti ed il personale scolastico non vaccinato, all'Adnkronos risponde: " Oggi i presidi non possono agire in modo autonomo; l'ex coordinatore del Comitato tecnico scientifico, che ora lavora con il ministro Bianchi, ha tutte le competenze per potere attivare quanto necessario per rendere i tamponi obbligatori al rientro in presenza . Io faccio appello a Miozzo che si concentri sulle singole scuole e sullo screening obbligatorio; Faccia in modo che le scuole riaprano in sicurezza subito dopo Pasqua".  

"Vaccini e tamponi - prosegue - sono due strumenti che procedono insieme. Nella scuola, che va riaperta perché è il futuro del nostro paese, va fatta prevenzione e cultura di profilassi, per le quali è indispensabile il tracciamento. E' inammissibile che si viaggi alla giornata giocando con il futuro delle persone - denuncia Turi - Bisogna agire 'nel frattempo' per una scuola in sicurezza in presenza. Questa malattia - rimarca - deve avere più di un elemento di attacco. Spariamo tutte le polveri che abbiamo: tamponi e vaccini, ristori indispensabili per il nostro Paese. E Miozzo contribuisca a tutelare immediatamente una didattica di emergenza a cui rispondere con trattamenti emergenziali".  

(di Roberta Lanzara)