Ddl Zan, Gullotta: "E' civiltà, ma a destre del cittadino non frega niente" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Giu

Ddl Zan, Gullotta: "E' civiltà, ma a destre del cittadino non frega niente"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Non si può fare finta che il Ddl Zan non serva, che è inutile, come fa la destra per accontentare il proprio elettorato. Il Ddl Zan è civiltà. È una legge che serve al Paese per tutelarsi dalla omotransfobia e invece la destra non fa altro che usare slogan. Parla alla pancia, ma fa solo finta che gli stia a cuore il cittadino".

alternate text

 

Leo Gullotta sottolinea con l’Adnkronos l’importanza del disegno di legge proposto dal dem Alessandro Zan e punta il dito contro il modo di fare politica della destra. 

“Non importa alle destre di far crescere il Paese e così ricorrono a frasi fatte e strategie: prima erano i giubbotti, ora sono le mascherine tutte diversificate – è critico Gullotta – ma il punto è che le destre non hanno programmi e fanno solo costantemente campagna elettorale. Del cittadino non gliene frega niente”. 

Per quanto riguarda invece le polemiche sul 1 maggio e il caso Fedez-Rai, "la lettera di Fedez sul palco del Concertone è stata giusta, perfetta. E ha fatto bene anche a chiarire qualcosa che aveva subìto esprimendosi liberamente con educazione e civiltà, informando il pubblico da cittadino, laddove di contro c’è stata una cosa che non dovrebbe esistere nel 2021 in un servizio pubblico e cioè la censura che, anche se silenziosa, nel nostro Paese così democratico, ahimè, c’è sempre stata, nascosta, massonica", denuncia all’Adnkronos un modus operandi, per l’appunto censorio, che a suo parere in Italia non sarebbe una novità. "Da cittadino – rimarca l’attore - ha sentito il bisogno di chiarire qualcosa che aveva subìto prima di andare in onda. Non si può accettare che qualcuno decida cosa puoi dire e cosa non puoi dire. Non posso che essere accanto a Fedez".