Vecchioni: "Battiato ha combattuto l'ovvio, suo genio non ancora compreso fino in fondo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mer, Giu

Vecchioni: "Battiato ha combattuto l'ovvio, suo genio non ancora compreso fino in fondo"

Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La prima volta che ho incontrato Battiato è stata nel 1973 a Forlì per una festa di piazza: è arrivato da solo con un transatlantico che era un organo e ha solo suonato senza cantare mentre io ho cantato canzoni difficilissime: un insuccesso totale". Comincia così il ricordo, emozionante e affettuoso, che Roberto Vecchioni affida all'Adnkronos nell'esprimere il suo personale omaggio al grande maestro Franco Battiato, scomparso stamane a 76 anni. 

alternate text

 

"Battiato -spiega Vecchioni- non è stato ancora compreso fino in fondo, quando questo avverrà ci si renderà conto che è stato un assoluto innovatore, un eclettico spaventoso che ha capito e studiato tutte le culture musicali". E descrivendo la cifra poetica dell'artista catanese, osserva: "Quello che mi colpisce di più è il suo giocare con il nonsense, combattendo l’ovvio. Attraverso le sue canzoni ci fa sentire una tranquillità d’animo sino alla fine, ha fatto uno sforzo incredibile per trasmetterci che l’animo dell’uomo conta". 

"Ha conosciuto i più grandi pensatori orientali e occidentali, e ha fatto un percorso totale per capire in musica i misteri dell’uomo", conclude il professore della musica italiana.