Economia - il Centro Tirreno - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Lun, Ott

Economia

Le ultime notizie di economia in tempo reale, dall'Italia e dall'estero

 

Si è svolta nel pomeriggio la cerimonia online di consegna delle borse di studio Fondazione 150° di Bper Banca. Quest’anno sono stati premiati 241 studenti (81 con assegno da 700 euro e 160 da 500 euro) provenienti da tutte le province italiane in cui l’Istituto è rappresentato, grazie ai risultati ottenuti nell’anno scolastico 2018-19.

 

Non si arresta la corsa dei prezzi dei carburanti" che dura senza soluzione di continuità da metà novembre. In soli sette giorni un pieno da 50 litri costa 63 cent in più per la benzina e 45 cent per il gasolio. Dall'inizio dell'anno, ossia dalla rilevazione del 4 gennaio, un pieno da 50 litri è aumentato di 6 euro e 86 cent per la benzina e di 6 euro e 30 cent per il gasolio, con un rincaro, per entrambi, del 9,5%. Su base annua è pari a una stangata ad autovettura pari a 165 euro all'anno per la benzina e 151 euro per il gasolio". E' Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori in una nota. 

 

"Il programma 'Next Generation EU' prevede per l’Italia 191,5 miliardi da spendere entro il 2026. Rafforzare la coesione territoriale in Europa e favorire la transizione digitale ed ecologica sono alcuni tra i suoi obiettivi. Ciò significa far ripartire il processo di convergenza tra Mezzogiorno e Centro-Nord che è fermo da decenni. Anzi, dagli inizi degli anni ’70 a oggi è grandemente peggiorato". Così il premier Mario Draghi, intervenendo in videoconferenza all'evento 'Sud - Progetti per ripartire' organizzato dalla ministra per il Sud, Mara Carfagna, rimarcando come il governo intenda spendere "bene" queste risorse, centrali per la ripartenza, guardando soprattutto alle donne e ai giovani. 

 

Condono delle cartelle fino a 5mila euro per i redditi più bassi e proroga dei termini per il pagamento delle rate della rottamazione ter. Queste sono le basi della pace fiscale firmata dal Governo con i contribuenti morosi attraverso il decreto Sostegni. 

 

Nel decreto Sostegno 2021 previsto uno sconto per tre mesi - dal 1° aprile al 30 giugno - sulle bollette elettriche, per un valore di 600 milioni di euro, e riduzione del 30% per tutto il 2021 del canone Rai. Le misure dedicate a locali, negozi e altre attività sono illustrate nella relazione tecnica che accompagna il dl. Nel dossier si spiega che "l'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente dispone, con propri provvedimenti, la riduzione delle spese sostenute dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione, diverse dagli usi domestici, con riferimento alle codi della bolletta identificate come 'trasporto e gestione del contatore' e 'oneri generali di sistema''".  

 

“Il sito di Pozzilli rappresenta quello che abbiamo in mente quando parliamo di transizione ecologica e il fatto che ci stiamo lavorando da 18 mesi è anche indice del fatto che l'idea di transizione ecologica per noi del Movimento 5 Stelle è importante e non è certo un'invenzione dell'ultima ora.

 

Nel decreto Sostegno 2021 bollinato, che l'Adnkronos ha potuto visionare, per l’anno 2021 è previsto un taglio del canone Rai per bar e alberghi. Per le strutture ricettive nonché di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico, il canone di abbonamento alla Rai è infatti ridotto del 30%. Per lo stesso anno è assegnata all'Agenzia delle Entrate la somma di 25 milioni di euro, al fine di riconoscere ai soggetti interessati un credito di imposta pari al 30 per cento dell’eventuale versamento del canone intervenuto prima dell’entrata in vigore del presente decreto, ovvero disporre il trasferimento a favore della Rai delle somme corrispondenti alle minori entrate. Il credito di imposta non concorre alla formazione del reddito imponibile. 

 

“Il progetto presentato oggi è il risultato di un nuovo modello di co-creazione multi-stakeholder in cui Unilever ha fortemente creduto sin dall’inizio. Abbiamo lavorato insieme a Governo, Regione e parti sociali seguendo due principi guida: strategicità di lungo periodo e salvaguardia dei livelli occupazionali dei dipendenti e dell’indotto; garanzia di sostentamento nella catena del valore dell'area industriale e della comunità locale". Lo ha spiegato Gianfranco Chimirri, Hr director Unilever e responsabile del progetto sullo stabilimento Unilever di Pozzilli (Isernia), intervenendo alla conferenza stampa on line per presentare il nuovo destino del sito molisano, che diventerà uno dei centri di produzione di plastica riciclata più avanzati in Europa. 

 

"Il fatto che una multinazionale come Unilever non solo non si disimpegni, ma rimanga azionista della propria impresa, della newco che verrà formata, e partecipi attivamente essendo lei stessa il primo cliente per risolvere dei problemi che sono legati alla gestione della plastica a livello globale, è la dimostrazione del fatto che, quando si scommette con coraggio su dei nuovi modelli, questi nuovi modelli possono essere messi a terra con il contributo di tutte le istituzioni". Lo ha detto la vice ministro allo Sviluppo economico, Alessandra Todde, intervendo alla presentazione del nuovo futuro industriale dello stabilimento Unilever di Pozzilli (Is).  

 

Banca Ifis, tramite la controllata Ifis Npl Investing, realizza a scopo di finanziamento la prima cartolarizzazione in Italia di un portafoglio non performing costituito per la maggior parte da crediti unsecured assistiti da ordinanze di assegnazione. L’operazione, spiega una nota, si configura come una novità per questa tipologia di crediti deteriorati dove l’iter di recupero degli stessi, mediante esecuzione forzata (pignoramento del quinto dello stipendio), "è in stadio avanzato". 

 

Amazon, oggi è il giorno dello sciopero nazionale in Italia. Quarantamila lavoratori tra driver, addetti agli hub e ai magazzini si fermano per 24 ore. Lo stop è stato indetto da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. La protesta andrà in scena in diverse città, con presidi da Genova a Milano, da Piacenza e Brescia fino allo stabilimento di Passo Corese. 

 

"Credo che il vero tema è non illudersi che l'introduzione della tecnologia cambi le cose. Ci siamo tutti abituati al lavoro da casa, da remoto, vorrei sapere poi come le aziende decidono cosa fare, che non diventi un ciclo continuo perché si sono rotti dei confini: dobbiamo fare una formazione, un'azione culturale dei capi perché c'è anche la tentazione di sfruttare lo smart working e chi paga di più" per i problemi creati dal lavoro agile "sono le donne". E' l'analisi che arriva dal ministro per l'Innovazione tecnologica e la Transizione digitale, Vittorio Colao, intervenuto al webinar "Obiettivo 62%-l'occupazione femminile come rilancio nazionale. Le donne come priorità trasversale", organizzato da 'Fuori quota', 'Le Contemporanee' e 'Soroptimist international d'Italia', con il sostegno della Rappresentanza della Commissione europea in Italia.