Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Mag
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Istat: fatturato industria a dicembre -7,3%

Istat: fatturato industria a dicembre -7,3%

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nel 2018 frena al +2,3%. Ordini dicembre -5,3 annuo, male estero

Istat: fatturato industria a dicembre -7,3%
Istat: fatturato industria a dicembre -7,3%

 

Il fatturato dell'industria italiana, a dicembre 2018, diminuisce del 3,5% rispetto a novembre, subendo il ribasso più forte sul mercato estero. Lo rileva l'Istat, che su base annua segna una caduta del 7,3% (dato corretto per gli effetti di calendario). Si tratta della flessione tendenziale più accentuata dal novembre del 2009. Male anche gli ordinativi dell'industria che, sempre a dicembre, calano dell'1,8% rispetto al mese precedente, a causa delle perdite subite sul mercato estero; su base annua il dato segna una flessione del 5,3% (dato grezzo), la più ampia dal luglio del 2016.

Anche sul ribasso tendenziale pesa soprattutto la cattiva perfomance registrata fuori confine. Nella media del 2018 risultano in frenata sia il fatturato che gli ordinativi: la crescita del primo si ferma al 2,3%, dal +5,6% dell'anno precedente (dati corretti per gli effetti di calendario); mentre per le commesse si registra un +2%, in deciso rallentamento a confronto con il +6,3% del 2017 (valori grezzi). Borsa: Europa peggiora con futures, Milano in coda (-0,7%) - Peggiorano gli indici delle principali borse europee con Piazza Affari (Ftse Mib -0,7%) in coda, dopo il rialzo dello spread a 273 punti dopo dati Istat sull'industria peggiori delle stime. Deboli anche Londra (-0,53%), Madrid (-0,37%) e Parigi (-0,37%), mentre Francoforte (-0,11%) è più cauta l'indici Zew migliore delle stime.

Negativi i futures su Wall Street, che riapre oggi dopo il lungo fine settimana culminante con le celebrazioni per la nascita di George Washington. Oggi arriva l'indice dell'edilizia abitativa negli Usa e domani i verbali dell'ultimo Comitato Federale della Fed. Effetto conti a Londra per Hsbc (-3,9%), che contagia Standard Chartered (-3,4%) e Commerzbank (-2,76%) e, in Piazza Affari, Ubi (-3,13%), Banco Bpm (-1,15%) e Unicredit (-1,38%). In controtendenza Rbs (+0,95%), Heidelbergcement (+3,76%) dopo i dati economici, e Tui (+3,17%), pronta ad acquistare, secondo la stampa turca, un resort da garanti Tuirizm Yatirim.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo