Eurispes, 40% commercio estero dell'Italia via mare, vale 377 mld dollari nel 2022
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Sab, Giu

Eurispes, 40% commercio estero dell'Italia via mare, vale 377 mld dollari nel 2022

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - All'incirca il 40% del commercio estero dell'Italia avviene via mare, per un valore che nel 2022 aveva raggiunto i 377 miliardi di dollari con la quota di trasporto via mare cresciuta di 11 punti negli ultimi 20 anni (Srm, 2023). Lo evidenzia il 36esimo Rapporto Italia di Eurispes. A livello globale, il 90% del commercio, in

termini di volume, e oltre il 70% in termini di valore, si svolgono via mare (conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo). A livello mondiale, ogni anno vengono trasportati via nave circa 11 miliardi di tonnellate di merci, equivalenti a circa 1,5 tonnellate per persona (Bergantino, 2023). Il volume di merci trasportate via mare aumenterà nei prossimi anni a un tasso medio di circa il 2,5% raggiungendo i 13,2 miliardi di tonnellate. Il settore inoltre vale circa il 12% del Pil globale.  

Gli ultimi anni - sottolinea il rapporto - hanno dato ampie dimostrazioni di come guerre commerciali, conflitti regionali, pandemie e pirateria possano avere un impatto estremamente negativo sul settore e, di conseguenza, sull'intera economia globale. Ne sono un esempio la guerra tra Russia e Ucraina; gli attacchi Houthi nel Mar Rosso, e il caso delle Ever Given che ha causato perdite indirette all'economia mondiale intorno ai 2-2,5 mld di euro. Tanto le compagnie di navigazione quanto gli Stati dovranno prepararsi a un aumento delle interruzioni delle catene di approvviggionamento causate da eventi inaspettati o guerre. Le ripetute crisi degli ultimi anni hanno evidenziato la necessità, sempre più impellente, di aumentare la resilienza all'interno delle catene di approvviggionamento globali e dunque diventa sempre più importante pianificare per l'imprevedibile e farlo bene. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.