Cassa integrazione, Inps: "Non c'è più arretrato"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mer, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Cassa integrazione, Inps: "Non c'è più arretrato"

Cassa integrazione, Inps: "Non c'è più arretrato"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Stiamo liquidando la cassa integrazione correntemente, mano a mano che arrivano gli Sr41, non c'è arretrato".

Cassa integrazione, Inps:
Cassa integrazione, Inps: "Non c'è più arretrato"

 

A dirlo, in un'intervista ad Adnkronos/Labitalia, è MariaLuisa Gnecchi, vice presidente dell'Inps.  

Secondo Gnecchi "i ritardi nell'erogazione della cassa integrazione non possono essere imputati a priori all'Inps. Per verificare di chi sono i ritardi si deve vedere quando è stata inviata la domanda di cassa integrazione da parte dell'azienda, quando l'Inps ha risposto con l'autorizzazione e quando poi l'azienda o il consulente hanno risposto con l'Sr41. Ho controllato personalmente alcuni casi e nonostante l'autorizzazione dell'Inps entro cinque giorni dall'invio della domanda il modelli Sr41 è arrivato dopo 15 giorni", attacca Gnecchi.  

E la vice presidente dell'Istituto non accetta che "da parte di imprese e consulenti si parli di complessità nel reperire i dati da inserire nell'Sr41. I dati sono quelli che l'impresa già deve conoscere: le ore di cassa integrazione, il codice fiscale del lavoratore e il suo Iban. Non è mica il lavoratore che ha deciso di mettersi in cassa integrazione. L'unica cosa che non conoscono e che va inserito è il codice autorizzativo che invia l'Inps", aggiunge ancora Gnecchi. Quindi, in conclusione, "ai lavoratori che si lamentano per la cassa integrazione che non arriva consiglio di verificare quando è stata inviata la domanda dell'azienda e quando ha risposto l'Inps. I ritardi vanno verificati", conclude.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook