Coronavirus, è di nuovo corsa a lievito e farina - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Coronavirus, è di nuovo corsa a lievito e farina

Coronavirus, è di nuovo corsa a lievito e farina

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Occorre "maggiore saggezza da parte dei clienti dei supermercati che troppo spesso si comportano come ai primi tempi della pandemia".

Coronavirus, è di nuovo corsa a lievito e farina
Coronavirus, è di nuovo corsa a lievito e farina

 

A lamentare una eccessiva corsa all'accaparramento di certi generi è Giorgio Santambrogio, ad del gruppo Végé, dati Nielsen alla mano, relativi alle ultime due settimane. Santambrogio riferisce all'Adnkronos che "la gente continua a incrementare l'acquisto del lievito di birra +59%, della farina +36%, delle basi per pizza +17%, dei pesci surgelati +19%, e anche delle tinte per i capelli delle donne del 27%". Insomma, "sembra di essere tornati al primo lockdown quando invece ora non c'è penuria di prodotto". "Una tendenza curiosa - osserva - è la crescita degli aperitivi alcoolici e degli spirits (superalcolici) rispettivamente del 19% e del 20%".