Ue: in Italia squilibri eccessivi, alto debito e bassa produttività - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Lug

Ue: in Italia squilibri eccessivi, alto debito e bassa produttività

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'Italia ha "squilibri eccessivi" sotto il profilo macroeconomico. "Le vulnerabilità riguardano l'elevato debito pubblico e le protratte deboli dinamiche della produttività, che hanno rilevanza transfrontaliera, in un contesto di fragilità del mercato del lavoro e del settore bancario".

alternate text

 

Lo scrive la Commissione Europea, nella comunicazione sul pacchetto di primavera del semestre Ue, aggiungendo che attualmente anche Grecia e Cipro presentano la stessa situazione, mentre altri nove (Croazia, Francia, Germania, Irlanda, Olanda, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia) hanno "squilibri". 

In totale, ben 24 Paesi membri dell'Ue su 27 (tutti tranne Bulgaria, Danimarca e Svezia) violano il criterio del deficit, a causa della pandemia di Covid-19 che ha spinto gli Stati a sostenere le rispettive economie per evitare di aggiungere una catastrofe sociale ad una crisi sanitaria. I deficit degli Stati membri sono schizzati sopra il 3% del Pil, come conseguenza delle politiche di sostegno dispiegate per contrastare la crisi.  

L'Italia è tra i Paesi che violano sia le soglie di deficit che quelle di debito, ma non è sola: sono 13 i Paesi (Belgio, Germania, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Cipro, Ungheria, Austria, Portogallo, Slovenia e Finlandia) che violano anche la regola del debito. Ovviamente, la Commissione "ritiene che una decisione sul porre i Paesi in procedura per deficit eccessivo non debba essere presa". La Romania, che era già sotto procedura e che sarebbe dovuta rientrare nelle soglie di deficit entro il 2022, dovrà farlo entro il 2024.