Israele-Hamas, oggi vertice in Qatar: negoziati continuano "a livello altissimo"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Feb

Israele-Hamas, oggi vertice in Qatar: negoziati continuano "a livello altissimo"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Il Qatar al centro della mediazione nella guerra tra Israele e Hamas accoglie oggi i leader del Consiglio di cooperazione del Golfo (Ccg) per una riunione che, sottolineano con l'Adnkronos fonti a Doha, servirà a

"riallineare i Paesi dell'area e vedere se c'è spazio per una posizione comune". Nell'emirato - dopo l'incontro preparatorio dei ministri degli Esteri - sono attesi i leader di Kuwait, Bahrein, Arabia Saudita, Oman ed Emirati Arabi Uniti, ospiti dell'emiro Tamim bin Hamad Al Thani.  

Presidente di turno del Ccg, il Qatar vuole discutere degli "ultimi sviluppi regionali e internazionali", con un focus particolare sulla ripresa delle ostilità a Gaza, dopo la fine della tregua venerdì scorso, fa sapere il segretario generale del Ccg, Yassim Mohamed Al Budaiwi. A Doha, anche dopo la partenza dei capi del Mossad richiamati dal premier israeliano Benjamin Netanyahu, i negoziati proseguono "sottotraccia, ma ad un altissimo livello" sottolineano le fonti, secondo cui il Qatar, dopo la prima fase del rilascio degli ostaggi, "ha alzato ulteriormente l'asticella, per cercare di andare verso una soluzione di più lungo periodo".  

"I qatarini godono della fiducia di tutti i grandi attori internazionali e anche di esponenti di Israele", osservano le fonti, nonostante le dichiarazioni del premier, che, dinanzi ad un'opinione pubblica che "è sempre più turbata e in sofferenza" per le migliaia di vittime civili palestinesi, esorta la comunità internazionale a "indagare sui crimini di guerra commessi dalle forze di occupazione nella Striscia". E nonostante un alto funzionario del ministero degli Esteri di Israele abbia detto nei giorni scorsi di voler "regolare i conti" con il Qatar una volta che si sarà esaurito il suo ruolo nelle trattative sul rilascio degli ostaggi da Gaza.  

A Doha, però, per il momento tra le priorità non c'è la gestione di Gaza dopo la fine della guerra. Il Qatar ritiene che sia prematuro parlarne, perché "non si vuole bruciare nessuna soluzione", preferendo un'opzione ad un'altra, esponendo nomi o ipotesi che rischierebbero di perdere credibilità mentre la prospettiva di un nuovo assetto per la Striscia appare ancora lontana.  

Come si ritiene anche "un falso problema" quello sui leader di Hamas ospitati in Qatar e ai quali Israele vorrebbe dare la caccia per eliminarli, nell'emirato come in qualsiasi altro Paese vivano. "Attenzione a fissarsi su alcune persone di un gruppo che è molto ampio e diversificato, il problema piuttosto - avvertono gli osservatori - è quello del radicalismo violento, dell'ideologia di resistenza violenta" alla base dell'attacco del 7 ottobre e di "come disinnescarla". Un'ideologia che a Doha come nelle altre capitali del mondo arabo ma anche in Occidente non ritengono possa essere sradicata per via militare. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.