Cina sconsiglia viaggi in Australia: "Atteggiamenti razzisti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Mer, Ott

Cina sconsiglia viaggi in Australia: "Atteggiamenti razzisti"

Cina sconsiglia viaggi in Australia: "Atteggiamenti razzisti"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il ministero della Cultura e del Turismo cinese ha sconsigliato ai suoi cittadini di recarsi in Australia a causa di atteggiamenti razzisti e violenti nei confronti dei residenti cinesi ed asiatici.

Cina sconsiglia viaggi in Australia: "Atteggiamenti razzisti"
Cina sconsiglia viaggi in Australia: "Atteggiamenti razzisti"

 

"A causa dell'impatto della pandemia del coronavirus, la discriminazione razziale e la violenza contro le persone cinesi ed asiatiche in Australia sono aumentate in modo significativo. Il ministero ricorda i turisti cinesi di aumentare le misure di sicurezza e non recarsi in Australia", recita la dichiarazione. 

Immediata la reazione di Canberra, con il vice premier australiano, Michael McCormack, che ha negato ogni accusa. "Non vi è stata nessuna ondata di violenze contro le persone cinesi" ha affermato. Anche il ministro del Turismo australiano, Simon Birmingham, ha reagito definendo le affermazioni di Pechino "non basate sui fatti".

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002