Oms: "Asintomatici più giovani e sani ma dobbiamo capire quanti sono" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Oms: "Asintomatici più giovani e sani ma dobbiamo capire quanti sono"

Oms: "Asintomatici più giovani e sani ma dobbiamo capire quanti sono"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I soggetti asintomatici "di solito sono più giovani, senza malattie croniche, ma non voglio generalizzare perché non è ancora chiaro. Le due domande a cui dobbiamo rispondere sono: qual è la proporzione di asintomatici, perché non c'è una fotografia definitiva relativa a questo aspetto, c'è tanta ricerca ma non risultati chiari; e qual è la proporzione di asintomatici che trasmette il virus".

Oms:
Oms: "Asintomatici più giovani e sani ma dobbiamo capire quanti sono"

 

Lo spiega oggi in un live sui social da Ginevra Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell'Organizzazione mondiale della sanità per il coronavirus. 

"Penso sia importante - ha aggiunto l'esperta - che le persone sappiano cosa facciamo qui all'Oms: la scienza è dinamica, cambia continuamente e noi proviamo lentamente a raccogliere evidenze". Presente alla diretta anche Mike Ryan, responsabile per le emergenze sanitarie dell'Oms, che ha chiarito: "Ci si chiede come si può trasmettere il virus se non si hanno sintomi. Il cuore della questione è capire a che livello di estensione arrivi il virus presente nel tratto respiratorio inferiore. Studi osservazionali hanno messo in evidenza come questo può potenzialmente avvenire: parlando a voce alta, gridando, cantando, tutte le situazioni insomma quando si crea un movimento di aria (e goccioline infette)" che parte da una persona infetta anche senza sintomi. "La trasmissione asintomatica ha un ruolo, ma la domanda è in che proporzione", ha concluso. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002