Covid, esperti New York: "In metro tenete la bocca chiusa" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mer, Set

Covid, esperti New York: "In metro tenete la bocca chiusa"

Covid, esperti New York: "In metro tenete la bocca chiusa"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sopravvivere sulla metropolitana di New York ai tempi del coronavirus? E' facile, basta stare seduti in silenzio, lo dice la scienza.

Covid, esperti New York:
Covid, esperti New York: "In metro tenete la bocca chiusa"

 

Lo scrive il New York Daily News, che cita il dottor David Vlahov, epidemiologo alla Yale University, secondo cui "scoraggiare i passeggeri a parlare sui mezzi pubblici sarebbe una strategia prudente e ragionevole da adottare”. Un messaggio che la Metropolitan Transportation Authority (Mta) non sembra particolarmente intenta a diffondere tra le oltre 2,8 milioni di persone che ogni giorno salgono su treni e autobus della Grande Mela.  

Parlare, in particolare ad alta voce, fa restare germi e altre particelle nell'aria fino a 14 minuti. Per questo, spiega Vlahov, "tenere la bocca chiusa” sarebbe la cosa più sicura per tutti in ambienti ristretti come quelli dei mezzi pubblici. L'Mta dice di aver preso in considerazione l'idea di affiggere cartelli con su scritto “No talking” (vietato parlare), ma per il momento ritiene che la "soluzione migliore per contenere la diffusione del virus - ha detto il portavoce Ken Lovett al N.Y. Daily News - sia ancora quella di indossare la mascherina protettiva". 

Secondo Vlahov, però, indossare la mascherina non è abbastanza: "Non parlare aiuta a ridurre il rischio di diffusione di particelle e germi in grado di trasmettere il virus. Questo andrebbe ad aggiungersi all'efficacia delle mascherine, del regolare lavaggio delle mani e della sanitarizzazione delle superfici”.  

"Le mascherine non sono vaccini - ha concluso l'epidemiologo – quindi bisognerebbe sfruttare ogni pratica a nostra disposizione per ridurre la trasmissione del covid-19". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002