Varianti Covid, Von der Leyen: "Ecco dove sono in Ue" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Lun, Lug

Varianti Covid, Von der Leyen: "Ecco dove sono in Ue"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Coronavirus, le varianti avanzano in Europa. A fare una mappa della diffusione nell'Unione di quella inglese, sudafricana e brasiliana è la presidente della Commissione Ursula Von der Leyen in conferenza stampa a Bruxelles al termine del Consiglio in videoconferenza. "La 'B.1.1.7', meglio conosciuta come variante britannica, è ormai diffusa", sottolinea, "in tutti i Paesi membri, tranne uno". "Quella sudafricana è presente in 14 Paesi", mentre "quella brasiliana in sette". 

Il punto sulle vaccinazioni  

La Commissione Europea conferma l'obiettivo dichiarato di vaccinare il 70% della popolazione adulta dell'Ue entro la fine dell'estate 2021. "Sì, siamo fiduciosi - dice la presidente Ursula von der Leyen - che raggiungeremo il nostro obiettivo, di aver offerto al 70% della popolazione adulta" la vaccinazione contro la Covid-19. "E' un obiettivo che siamo fiduciosi di poter raggiungere". Il meccanismo di controllo delle esportazioni di vaccini anti-Covid "non è contro alcun Paese. Vediamo che la grande maggioranza delle esportazioni viene fatta da Moderna e BioNTech-Pfizer, che stanno entrambe rispettando gli impegni" presi con la Ue. Per quanto riguarda invece AstraZeneca, conclude, "teniamo un occhio molto attento su quello che sta succedendo". 

Entro fine febbraio nell'Ue saranno stati consegnati in totale 51,5 milioni di dosi di vaccini anti-Covid, mentre ne sono state inoculate finora 29,17 milioni (18,2 milioni di prime dosi e 9,8 milioni di richiami). Finora nell'Ue il tasso di vaccinazione è dell'8% della popolazione adulta, con il 5% che ha ricevuto la prima dose e il 3% che ha ottenuto anche la seconda. L'obiettivo è di vaccinare almeno il 70% della popolazione adulta dell'Ue, cioè 255 milioni di persone.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002